Cronaca

Usppi: «Rogito Notarile, ultimo passo per la definitiva cessione della Casa Divina Provvidenza»

La Redazione
Il vertice romano sulla Casa Divina Provvidenza
L'intervento del segretario nazionale Nicola Brescia
scrivi un commento 397

L’Usppi rende noto che «Dopo le minacce, depistaggi, intromissioni, imprenditori (più o meno noti) che spuntavano dal nulla e la politica, tranne negli ultimi giorni, totalmente assente, il rogito notarile per la cessione del complesso aziendale di proprietà della Congregazione delle Ancelle della Divina Provvidenza è entrata così nella sua fase finale, quello della cessione vera e propria che terminerà entro breve termine, con la fideiussione assicurativa di circa 25 milioni di euro a garanzia degli impegni assunti con l'offerta d'acquisto così come previsto dal disciplinare di gara».  

nn

«La Casa Divina Provvidenza – riferisce il leader dell’Usppi Nicola Brescia – deve essere un punto di riferimento della sanità del Mezzogiorno d'Italia. Per raggiungere l'obiettivo occorre inevitabilmente rilanciare l'azione di assistenza e cura, facendo dimenticare in fretta scandali e buchi finanziari da 500 milioni di euro. La prima cosa da fare è quella di incrementare i ricavi delle tre strutture, renderle più attrattive. Rispetto ai tetti che la struttura vede assegnati dalla Asl e dalle Regioni (Puglia e Basilicata) in base ai servizi offerti ci sono ancora ampi margini, che indica "nelle aree ospedaliere le possibilità dove incrementare lavoro e quindi i ricavi».

nn

«L’accordo siglato a Roma – secondo Nicola Brescia – è senza ombra di dubbio il migliore dal punto di vista socio-economico-occupazionale rispetto a tutte le altre precedenti procedure commissariali che si sono concluse con tagli sul personale, riduzione ore, etc. sono stati smentiti dai fatti. Salvati 1600 posti di lavoro. L'accordo epocale: salvaguardia di tutti i posti di lavoro in essere ed in forza presso la Cdp, sia a tempo indeterminato che determinato; il rispetto degli stessi orari di lavoro, posizioni economiche e livelli di inquadramento in essere ed in godimento ivi compreso il medesimo CCNL; rispetto e tutela dell'art. 18 (Legge 300 del 1970, Statuto dei lavoratori); avvio entro 6 mesi dalla cessione delle trattative per il recupero parziale di somme percepite da alcuni lavoratori, rivenienti da contrattazioni decentrate pregresse allo stato di crisi della CDP; rispetto dell'anzianità convenzionale e giuridica acquisita antecedentemente alla cessione e nel periodo di servizio effettuato nella CDP; costituzione di una griglia di personale ove attingere per le assunzioni che si renderanno necessarie sia a tempo determinato che indeterminato, personale infermieristico ed OSS che non sono in servizio ed in forza allo stato attuale presso la CDP ma che hanno prestato servizio per almeno 4 mesi presso la Cdp, è la risposta che il segretario nazionale dell’Usppi Nicola Brescia ha dato a migliaia di lavoratori».

n

martedì 21 Febbraio 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 16:34)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti