La protesta

Unione Nazionale Consumatori: «Veneto Banca e Banca apulia, azionisti imbufaliti»

La Redazione
Soldi
Insorge l'associazione contro le pressioni della banca per convincere i clienti ad accettare la transazione
scrivi un commento 772

«A pochi giorni dalla scadenza, gli azionisti di Veneto Banca subiscono pressioni perché venga accettata l’offerta di transazione fatta dall'istituto bancario»: è quanto denuncia l’Unione Nazionale Consumatori, che parla di “condotte irrispettose” dei funzionari delle banche nei confronti dell’utenza. 

nn

In campo anche la sezione di Bisceglie che ha la sua sede in via Moro 79.

nn

«La proposta di transazione di Veneto Banca è offensiva, ma la cosa ancora peggiore è l’atteggiamento degli agguerriti funzionari della banca, su tutto il  territorio nazionale, che hanno attuato condotte a dir poco irrispettose nei confronti dei consumatori pur di convincerli ad aderire». E’ quanto dichiarano i responsabili dell’Unione Nazionale Consumatori in merito all’offerta della Veneto Banca/ Banca Apulia.

nn

«In questi giorni – ricorda l'Unione consumatori – Veneto Banca ha diramato una nota in cui afferma che è stato contattato circa il 96% del totale azioni in perimetro, che i soci che hanno aderito sono oltre il 60% e che rappresentano oltre il 50% delle azioni. Come noto, il piano di rimborsi varato da Veneto Banca prevede per un rimborso pari al 15% del valore netto delle azioni acquistate dal 1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2016, dedotte le vendite. La proposta di rimborso è valida solo per le persone fisiche, le società di persone e le onlus; il termine per aderire è marzo; a chi accetta le banche riservano offerte commerciali particolari; la proposta è infine subordinata alla rinuncia alle azioni legali da parte degli azionisti. Le banche hanno reso noti i primi risultati della proposta cui avrebbero aderito circa il 50% degli azionisti».

nn

Sostiene l’Unione Nazionale Consumatori: «A nostro parere i numeri sono gonfiati, viste le continue segnalazioni di protesta arrivate alla nostra Unione di cittadini letteralmente “imbufaliti” dalla proposta e dal comportamento scorretto delle banche che avrebbero fatto continue telefonate per insinuare il dubbio che in un eventuale giudizio civile, l’azionista possa non avere il risarcimento del danno subìto.

nn

L’aggressività con cui si sta portando avanti la vicenda è inaccettabile, a meno di una settimana dalla scadenza dei termini dell’offerta, probabilmente non si è raggiunto il quorum delle adesioni dichiarate e per questo continuano a insistere”, continuano i responsabili dell'Unione Nazionale Consumatori. 

nn

L'Unione Nazionale Consumatori  invita gli azionisti a contattare l’associazione per far analizzare la propria posizione.

n

venerdì 17 Marzo 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 15:54)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti