Cronaca

Boccia: «Ma quale bufera? Non sono professore universitario per meriti politici»

La Redazione
Francesco Boccia
La replica del deputato biscegliese dopo la pubblicazione dell'articolo de Il Fatto Quotidiano
scrivi un commento 827

Non si è fatta attendere la replica educata, ma ferma dell'onorevole Francesco Boccia in merito al "caso" sollevato da il Fatto Quotidiano di cui si riferisce in altro articolo sempre datato 24 marzo. 

nn

Ecco il testo integrale della sua replica:

nn

«Caro direttore, ho letto la notizia e voglio tranquillizzarla. Non c’è alcuna bufera. La vicenda è al limite del ridicolo. Ho letto con molto stupore l’articolo di  Elena Ciccarello sul Fatto Quotidiano. Dire che avrei ‘vinto il posto in Università’ con una ricerca plagiata è grave, scorretto oltre che palesemente falso.

nn

Sono professore universitario da 15 anni, la mia storia, le mie pubblicazioni e, in particolar modo, i miei libri sono diffusi nelle università e sono stati utilizzati come testi di riferimento in università italiane e straniere. Ho diretto un centro di ricerca in università a Castellanza per 8 anni, ho fatto ricerca a Londra per quattro e sono stato visiting professor alla UIC di Chicago e insegnato complessivamente per 20 anni. Da 15 sono professore associato. Mi sono sempre rifiutato, nonostante avessi titoli e pubblicazioni, di fare il concorso di prima fascia perché non lo ritenevo opportuno durante l’aspettativa parlamentare. L’avrei potuto fare, com’è noto, in molti atenei italiani in cui tengo spesso seminari e prolusioni.  

nn

A Campobasso ho fatto semplicemente un trasferimento dalla mia precedente università e l’ho fatto per aiutare l’UniMol (Università del Sud efficiente e bella) a far crescere una generazione di ricercatori appassionati di economia delle amministrazioni pubbliche. E sempre e solo a titolo gratuito.

nn

Ho partecipato alla selezione per il mio trasferimento, una selezione in cui si potevano presentare fino a 12 pubblicazioni, una di queste era un paper senza alcuna valenza scientifica (per la verità erano tre papers), indicato ad un seminario interno nell’allora centro di ricerca, come ‘lettura consigliata’; mi scuso se, per errore, è stato inserito in quella lista ma non credo abbia potuto influenzare la valutazione del mio curriculum accademico che non ha bisogno di ricorrere a nessun plagio.

nn

Mi spiace avere scatenato la curiosità del vostro sempre attento quotidiano o le ire dei trolls della rete pilotati ad arte ma la mia carriera accademica, di cui vado molto fiero, è sotto gli occhi di tutti, limpida e documentabile. E non permetto a nessuno di infangarla o metterla in dubbio. Faccio ricerca da sempre, da quasi vent’anni, continuerò a farla perché è il mio lavoro, non sono uno di quelli che possono vantare il titolo di professore universitario per ‘meriti politici’».

n

venerdì 24 Marzo 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 15:46)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti