Cultura

I nuovi versi dell’attore biscegliese Nicola Ambrosino

Francesco Sinigaglia
Nicola Ambrosino
I testi delle poesie "Quando nacque il tramonto" e "Il pane… quotidiano"
scrivi un commento 212

L’attore biscegliese Nicola Ambrosino, fresco di pubblicazione del poema rivisitato in versi sulla famosa vicenda dei Promessi Sposi, pubblica, nell’attesa dell’edizione dei propri versi in italiano e vernacolo biscegliese in libreria, le poesie “Quando nacque il tramonto” e “Il pane… quotidiano”.

QUANDO NACQUE IL TRAMONTO…

La luna, sopra il mare, colpita da un suo raggio,

“Ti amo”, disse al sole, facendosi coraggio;


a tal dichiarazione, il sole, da quel di’…

sorrise all’astro argenteo e poscia poi arrossì.

Da quel giorno in poi, con tutto il suo calore,

dimostra alla sua amata, forte, il proprio amore

e rosso di vergogna, le dice: “Sono pronto…

a darti l’universo lasciandoti il tramonto!”

E proprio in quei momenti, sotto quei colori…

che ovunque, in ogni dove, nascono gli amori;

del sol che vola via, verso la sua amata,

è il tempo dell’Amore… inizia una serata.

Le stelle, su nel cielo, nel loro firmamento,

ne sono testimoni d’ogni innamoramento;

i grilli dentro i boschi e le sirene, in mare,

ti dicono all’unisono: “È ora… puoi amare!”.

IL PANE… QUOTIDIANO

“Chi siamo, dove andiamo, da dove veniamo”,

le domande esistenziali dell’essere umano;

ma un’altra domanda affligge il quotidiano,

il marito alla moglie: “Che cosa mangiamo?”.

Sui massimi sistemi si accapigliano scienziati

s’indicono convegni e simposi organizzati;

ma quando sulla tavola non c’è la pastasciutta

hai voglia a blaterare, la situazione è brutta!

L’atavica domanda, dai tempi più lontani,

la pongon tutti quanti, pure i buon vegani;

la fanno in ogni dove, finanche i salutisti,

i cuochi, alla Tivu’ e i dotti giornalisti.

S’adombra, scuro in volto, il viso della moglie,

passato tra i fornelli, esaudendo quelle voglie.

“Sarei potuta uscire a far le cose mie…

vedendo le vetrine, a spasso per le vie!”.

Ma pur nella preghiera, “Il pane quotidiano”

è menzionato e santo anche in Vaticano.

Replica la moglie: “Ma fallo… un sacrificio!

Compralo tu il pane… andando al panificio!”.

sabato 6 Maggio 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 14:33)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti