Cronaca

Infrazioni Europee sulle discariche, Santorsola: “Attendiamo risposta su nostro lavoro”

La Redazione
Mimmo Santorsola
Le parole dell'assessore regionale all'Ambiente in merito alla questione delle contestazioni Ue
scrivi un commento 111

“In tema di discariche cosiddette preesistenti e del fatto che esse possano costituire oggetto di sanzioni da infrazioni comunitarie vanno precisati alcuni aspetti. In primo luogo le presunte infrazioni non riguardano tematiche di ordine ambientale o sanitario bensì procedure di chiusura e post gestione dei siti anche in ordine alla congruità delle garanzie finanziare prestate dai soggetti privati per esercire gli impianti. Si tratta, questo si, di adempimenti formali da portare a termine”.

A dichiararlo l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente, il tranese Mimmo Santorsola.

“Il Dipartimento Mobilità, Qualità Urbana, Opere Pubbliche e Paesaggio della Regione segue la questione ed ha puntualmente controdedotto gli appunti della Commissione Europea, attraverso una corposa documentazione inviata al Ministero dell’Ambiente e da quest’ultimo trasmessa a Bruxelles, sulla quale non abbiamo ancora ricevuto riscontri ufficiali. Nel plico – prosegue Santorsola – è stato ricostruito lo stato dell’arte dei 5 impianti, così come emerso dalla documentazione in possesso della Provincia Bat, dove erano incardinati i procedimenti. In particolare è emerso che due degli impianti, quello di Trani (Igea) e quello di Bisceglie (Cogeser) sono ancora in gestione ed hanno prestato garanzie finanziarie congrue e, quindi, sono evidentemente fuori dalla casistica dell’art. 14 della Direttiva 1999/31/CE (che riguarda appunto gli impianti non in esercizio). I due impianti di Andria (F.lli Acquaviva e D’Oria), pur non essendo in esercizio, hanno piani di adeguamento approvati e realizzati. L’iter effettivamente da perfezionare riguarda l’impianto di Canosa (Cobema) dove pure la via è definita ed è stata acquisita la disponibilità del gestore ad effettuare gli interventi richiesti”.

“L’esigenza di chiarezza – conclude Santorsola – scaturisce dalla necessità di restituire una informazione corretta oltre a dare evidenza del lavoro svolto da Dipartimento e Strutture Tecniche dell’Assessorato”.

mercoledì 31 Maggio 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 14:00)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti