Attualità

Redditi dei cittadini, la Bat è tra le più povere d’Italia

La Redazione
i dati relativi alle prime e ultime 10 province italiane
Dichiarati 14.720 euro con un -4,68% a parità di potere d'acquisto rispetto all'anno d'imposta 2007
scrivi un commento 318

Stando ai dati diffusi stamane su “Il Sole 24 ore” è Prato la provincia in cui il reddito degli italiani ha sofferto di più la crisi con un reddito medio di 20.188 dichiarato nel 2016, relativamente all’anno d’imposta 2015, che subisce un calo del 6,22% a parità di potere d’acquisto rispetto all’anno d’imposta 2007. A seguire, le province di Olbia-Tempio con 17.162 euro e un -5,24% e Barletta-Andria-Trani con 14.720 euro e un -4,68%.

I dati elaborati dal “Sole 24 Ore” partono dalle statistiche delle Finanze su base comunale. In due province su tre la variazione del reddito complessivo medio hanno subito un segno negativo, i dati più significativi riguardano le zone del Centro-Sud Italia e delle Isole e in più di 30 casi le somme dichiarate si sono ridotte di meno dell’1% in termini effettivi.

A livello nazionale, l’importo medio dichiarato nel 2016 dai contribuenti con un reddito superiore a zero è stato di 20.798 euro, in calo dell’1,32%. In termini di potere d’acquisto, parleremmo di una perdita di 278 euro.

È chiaro che i dati diffusi dal Sole 24 Ore non tengono conto della variabile del “sommerso” che potrebbe fare la differenza sull’effettivo reddito medio, considerato che in alcune aree è, purtroppo, il lavoro sommerso a reggere i consumi malgrado la diminuzione del reddito totale dichiarato. In attesa che il Governo centrale avvii serie misure di sostegno a favore dei redditi bassi e contrasti l’evasione, così da rendere più verosimile il dato reale del reddito medio, non ci resta che piangere…

martedì 6 Giugno 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 13:53)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti