Cronaca

Raccolta differenziata, dalle strutture ricettive nessuna collaborazione

La Redazione
I mezzi di Ambiente 2.0
L'appello del Consorzio Ambiente 2.0
scrivi un commento 454

Ennesimo weekend da incubo per gli operatori del Consorzio Ambiente 2.0 alle prese con i rifiuti abbandonati dalle strutture ricettive e turistiche della riviera biscegliese. A peggiorare la situazione, la consapevolezza che non è il primo di questo tipo e, purtroppo, non sarà l’ultimo.

Per avere una idea di cosa accade basterà osservare i dati: solo lunedì mattina, dopo un lungo e rovente weekend, sono stati raccolti ben 238 bustoni di indifferenziato prodotto dagli esercizi pubblici della litoranea. A questi vanno ad aggiungersi altri 160 circa provenienti dai lidi delle spiagge biscegliesi.

Tutto rigorosamente indifferenziato. Tutto rigorosamente fuori legge. Tutto rigorosamente non sanzionato, nonostante l’intervento puntuale da parte della Polizia Locale che ha effettuato i rilievi del caso e le foto che mostrano impietosamente la situazione.

Naturalmente, nessuno chiede di penalizzare le aziende turistiche che producono ricchezza in un momento così delicato per l’economia locale. Ma è bene rendersi conto che la situazione ha pesanti ricadute in termini di percentuali di raccolta differenziata che rischia di finire, come già più volte segnalato, molto al di sotto delle percentuali previste dalla Regione per la cancellazione della eco-tassa. In altre parole, il comportamento delle strutture ricettive, finirà per costare di più al Comune e, di conseguenza, ai cittadini.

Nelle scorse settimane si è già tenuto un primo incontro con l’amministrazione comunale ed i gestori delle attività ricettive e turistiche. Ma, evidentemente, ne saranno necessari altri per far passare il principio che ciascuno debba fare la propria parte in questo momento di passaggio dal vecchio al nuovo sistema di raccolta. Anche perché non è giusto compromettere il certosino lavoro quotidiano di tante famiglie biscegliesi che ormai fanno il conferimento differenziato con puntualità e precisione.

In queste ore il Consorzio Ambiente 2.0 ha inoltrato una nota dettagliata sulla situazione per informare il Dec e l’Amministrazione comunale in cui si denuncia puntualmente, con tanto di fotografie e documenti di carico, l’emergenza in atto. Anche perché se dovesse protrarsi questa situazione fino ad agosto vi sarebbero danni irreparabili per le percentuali di raccolta differenziata da inoltrare alla Regione Puglia. Con tutte le annesse conseguenze economiche.

mercoledì 26 Luglio 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 12:10)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti