Cultura

Libri nel Borgo Antico, successo annunciato. il programma della seconda giornata

La Redazione
Libri nel Borgo Antico
Sul palco di piazza Castello Antonio Caprarica, Alberto Garlini, Giovanni Impastato, Pupi Avati e Alberico Lemme.
scrivi un commento 856

L’affascinante centro storico di Bisceglie ha fatto da cornice ideale alla prima delle tre giornate dell’ottava edizione di Libri nel Borgo Antico. In migliaia, per le vie della città vecchia, hanno seguito l’alternarsi delle conversazioni con gli autori, che proseguiranno sabato 26 con altri interessanti incontri nelle sei diverse location scelte dall’organizzazione.

In via Marconi, a pochi passi dall’ingresso monumentale del Teatro Garibaldi, si partirà alle ore 18:00 con “La congiura”, di Federica Introna; a seguire (18:30), Luigi Pisanelli con “Tornerà la lepre a Buna”, Gina Baragiola con “La valigia di chi resta” (19:00), Claudia Lamma con “Jenny la secca” (19:30), Maria Antonietta Spadorcia con “Di corsa e di carriera e altri racconti” (20:00), Domenico Baldini con “Unità di medicina della riproduzione” (20:30), Marco Matarrese con “Oltre il limite” (21:00), Andrea Salonia con “Domani, chiameranno domani” (21:30) e in chiusura Valeria Patruno con “La macchina per cucire. Viaggio nelle periferie dei diritti” (22:00).

Presso il chiostro Santa Croce di via Giulio Frisari, alle ore 18:10, via con “E acqua fu” di Carola Maselli; si proseguirà alle 18:40 con “Gli istanti. Emozioni in dono” di Malusa Kosgran mentre alle19:10 Valentina Madonna presenterà “Capelvenere” e alle 19:40 sarà la volta di Alessandro Bozzi con “La libertà danza fra gli ulivi”. La serata andrà avanti con Domenico Laviola (“Racconti della complicanza”, 20:10), Tina Rutigliano (“Lo scrigno delle donne”, 20:40), Mark Mc Candy (“Avanti c’è un post”, 21:10), Stefania Cafagna (“Come un diamante nell’acqua”, 21:40) e Mario Pennelli (“Puglia à la carte”, 22:10).

In via Ottavio Tupputi start alle 17:50 con Paolo Reineri (“A colpi di pedale. La straordinaria storia di Gino Bartali”), quindi toccherà a Nicola Fanizza (“Maddalena Santoro e Arnaldo Mussolini. La storia d’amore che il Duce voleva cancellare”, ore 18:20), Giuseppe Dicuonzo e Giulia Donorà (“Il Piave mormorò… La Grande Guerra”, 18:50), Onorato Lamante (“Italian psycho”, 19:20), Raffaele Floro (“Alla ricerca di anima”, 19:50), Gianni Spinelli (“Tutta colpa di Eva”, 20:20), Paul Bhatti (“Shahbaz. La voce della giustizia”, 20:50), Giorgia Benusiglio (“Vuoi trasgredire? Non farti!”, ore 21:20) e infine ad Alessandro Zignani (“Il suono e il respiro. Wilhelm Furtwangler: una biografia intellettuale”, ore 21:50).

In piazza Regina Margherita, dalle ore 18:30, si alterneranno Giuseppe Santoro con “Linea piatta”, Giuseppe Losapio e Victor Rivera Magos con “Apprendere ciò che vive. Studi offerti a Raffaele Licinio”, Davide Storelli con “La moneta secondo Aristotele”, Adelmo Monachese con “Attentato al piccolo principe”, Giuseppe Selvaggi con “Tempo pittore”, Agostino Picicco con “Non molliamo ragazzi! Dino Abbascià amico carissimo”), FJV Bucalo con “Nero d’assenzio” e in chiusura Patrizia Rossini, autrice di “Eravamo quattro amiche in chat”.

Nello scenario delle Vecchie Segherie Mastrototaro, alle 18:10, Mariantonietta Campobasso dialogherà col pubblico su “Bianco sporco”, seguita dopo trenta minuti da Anna Carbonara con “Un urlo che morde l’anima” mentre alle 19:10 sarà la volta di Antonella Pagano con “Rondine di te. Sillabe innamorate” e alle 19:40 Cosimo Scarpello presenterà “La figlia mai avuta”. Valeria Petruzzelli, alle 20:10, converserà su “Il passato è un campo di addestramento. Storia di lei”; alle 20:40 Enza Piccolo presenterà “L’ombra del passato”. Ultimo autore della serata Luciano Lapadula con “Il macabro e il grottesco nella moda e nel costume”.

Toccherà al giornalista Antonio Caprarica calcare per primo (ore 20:00) il palco di piazza Castello per dialogare su “L’ultima estate di Diana” a 20 anni dalla tragica scomparsa dell’amata principessa. Alle 20:45 sarà la volta di Alberto Garlini e del suo “Il fratello unico. Un’indagine di Saul Lovisoni”, giallo raffinato e perfettamente congegnato. “Oltre i cento passi” è invece il titolo del libro di Giovanni Impastato, fratello minore di Peppino Impastato: un’analisi della situazione delle mafie nel nostro paese (ore 21:30). Seguirà, alle 22:15, l’acclamato regista Pupi Avati col suo primo romanzo, “Il ragazzo in soffitta”, intenso intreccio psicologico di una vicenda ricca di suspense. Chiusura alle 23:00 con il dottor Alberico Lemme, uno dei personaggi più discussi del piccolo schermo, che converserà su “La dieta Lemme”.

Numeri da record per l’ottava edizione di Libri nel Borgo Antico: più di 100 gli autori pugliesi, oltre ai grandi nomi del parterre nazionale; tantissimi, i circa 300 volontari che consentiranno all’evento di non presentare pecche al pubblico nonostante la grande mole organizzativa alle spalle; a cornice di tutto le 30 case editrici pugliesi ospitate lungo i locali delle vie del centro storico di Bisceglie, segno della spiccata intenzione dell’Associazione Borgo Antico di spingere sulle specificità del territorio e promuovere i nuovi talenti.

La manifestazione letteraria di Bisceglie è contrassegnata dal più grande ScambiaLibro del Sud Italia. Durante tutta la durata della vivace kermesse, dalle ore 18:00 fino a mezzanotte, lunghi banchetti colmi di libri saranno a disposizione dei lettori di tutte le età.

Gratuitamente e volontariamente, ciascuno potrà portare un libro e prenderne un altro, senza limiti. L’iniziativa ha già riscosso una grande partecipazione nella giornata di venerdì.

sabato 26 Agosto 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 10:55)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti