Politica

Niente rinnovo contrattuale, mobilitazione del personale nelle sedi dell’Agenzia delle Entrate Bat

La Redazione
Agenzia Entrate
La vertenza mette al centro delle rivendicazioni la valorizzazione e il rispetto delle funzioni esercitate dal personale, non solo per dare dignità al lavoro svolto ma anche per contribuire ad una migliore qualità ed equità
scrivi un commento 178

Ieri, 19 settembre, si sono svolte le assemblee del personale in tutte le sedi dell’Agenzia delle Entrate della Provincia di Barletta Andria Trani. Le assemblee decise a livello nazionale sono il seguito della mobilitazione generale del personale dell’Agenzia Entrate in tutto il territorio nazionale.

Le questioni aperte sono molte oltre al rinnovo contrattuale che manca dal 2009.

É una vertenza che mette al centro delle rivendicazioni la valorizzazione e il rispetto delle funzioni esercitate dal personale, non solo per dare dignità al lavoro svolto ma anche per contribuire ad una migliore qualità ed equità dell’azione dell’Agenzia.

Per un complessivo miglioramento ed efficientamento dei servizi fiscali, attraverso significativi investimenti sul personale e sulle strutture; per ridare consistenza alla produttività e per garantire il riconoscimento delle attività svolte e dei risultati raggiunti in termini di contrasto all’evasione per una valorizzazione di tutte le professionalità; per rilanciare la partecipazione ed un confronto sui processi di riforma che non possono essere atti unilaterali dei vertici che vengono utilizzati per depotenziare e indebolire la macchina fiscale, il personale tutto ha votato all’unanimità il seguente ordine del giorno:

MOZIONE CONCLUSIVA ASSEMBLEA DEL PERSONALE DEGLI UFFICI della Direzione Provinciale di Barletta Andria Trani

Il personale degli Uffici di tutta la Direzione Provinciale riunito in Assemblea il giorno 19 settembre 2017 nell’ambito della vertenza nazionale attivata unitariamente dalle OO.SS. FP CGIL – CISL FP – UIL PA UNSA/SALFI – FLP, per la piena valorizzazione del personale dell’Agenzia, per ridare dignità al lavoro svolto e per contribuire ad una migliore qualità ed equità dell’azione dell’Agenzia,

STIGMATIZZA

– le immotivate resistenze dell’Agenzia e del Ministero vigilante a voler prevedere il dovuto riconoscimento professionale per il personale dell’Agenzia;

– denuncia la situazione di forte difficoltà operativa e lavorativa dovuta alle continue modifiche normative, agli obiettivi sempre più irragionevoli e al difficile clima esterno creato da una campagna di delegittimazione del personale dell’Agenzia in alcun modo contrastato dall’Autorità politica e dal vertice dell’Agenzia;

– un complessivo miglioramento dei servizi fiscali, attraverso significativi investimenti sul personale e sulle strutture;

– il necessario incremento del Fondo di produttività per garantire il riconoscimento delle attività svolte e i risultati raggiunti in termini di contrasto all’evasione e di “tax compliance”;

– una nuova stagione di progressioni economiche che valorizzi tutto il personale;

– il rilancio della partecipazione e del confronto sui processi di riforma che non possono essere a costo zero e neanche l’occasione per un nuovo e ingiustificato depotenziamento della macchina fiscale e delle sue articolazioni territoriali.

Nel riconoscere il valore aggiunto della mobilitazione unitaria da mandato alle OO.SS. di proseguire nella mobilitazione fino a quando non saranno superate le resistenze delle controparti e garantiti gli obiettivi alla base della vertenza.

La mozione è stata inviata alle Segreterie nazionali per la consegna ai vertici dell’Agenzia e all’autorità politica (MEF).

mercoledì 20 Settembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 10:16)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti