Cultura

Il poeta biscegliese Demetrio Rigante ha presentato il suo ultimo componimento

Francesco Sinigaglia
Demetrio Rigante
Nei giorni scorsi in piazza Vittorio Emanuele II a Giovinazzo
1 commento 299

Sabato 23 settembre 2017, a Giovinazzo presso piazza Vittorio Emanuele II, il personale dello sportello Alzheimer Giovinazzo e la Coop. Anthropos – Gocce di Memoria, hanno sensibilizzato la cittadinanza sulla problematica del malato Alzheimer. L’iniziativa si è svolta in occasione della XXIV Giornata Mondiale dell’Alzheimer. Nella serata dal titolo Notte Bianca di Poesie il poeta biscegliese Demetrio Rigante ha declamato i versi Classificati primi al concorso di poesie internazionale di Bitetto 2017- “Paghiure de scherdamme de mè…”.

Demetrio Rigante, una eccellenza tutta biscegliese, si diletta e diletta attraverso le sue raccolte di poesie, promuovendo serate culturali, dedicate anche alla sensibilizzazione circa importanti tematiche sociali. Attraverso il dialetto, in più, tiene a realizzare il progetto della sopravvivenza, orientato alle nuove generazioni, delle tradizioni del proprio territorio, ovvero con l’impiego attivo della lingua dialettale, onorando i suoi storici maestri – il prof. Mario Cosmai e i poeti dialettali Sergio Di Clemente e Francesco Palazzo. Il nostro Rigante, oltre a ciò, è stato insignito nel 2008 della Stella al Merito del Lavoro dal Presidente della Repubblica italiana e dal 1977 ha svolto importanti lavori in e per mamma Rai.

Paghíure de scherdamme de mè…

(Paura di scordarmi di me…) – Omaggio al malato d’Alzheimer

(Primo classificato Sez. Poesia Dialettale al Premio Letterario Internazionale XXIII Edizione 2016/17- Città di Bitetto).

Paura…, paura di scordarmi / del mondo che mi circonda: / i fiori frastornati dal vento…, / le notti al chiaror di luna / con tutti i suoi sogni… // Paura che la pioggia / ari le mie orme nella terra…, / che il vento travolga il respiro…, / che la memoria persa / si dilati come una goccia d’olio… // Paura…, paura delle parole mute / che, traballanti…, / tracimano dalle labbra / a raccontare ricordi sbiaditi / e stipati nell’anima / ancora per poco… // Paura dello sguardo senza pace…, / paura che la casa / mi divenga estranea… // Paura di scordarmi di me stesso / …e diventare meno di niente!… // Sí, sono io per gli altri, / per l’amore dei figli, / per gli amici…, / ma quanti di loro mi chiameranno col mio nome / e per quanti mi volterò ancora? // Lo sa il destino / segnato dal cammino della vita / che della voglia di vivere / non è mai sazia…

Paghíure…, paghíure de scherdamme

du munne ca téngh’atturne:

le fiíure sbalestròte dó véinde…,

re nóutte o chiaraure de la líune

che tutte le sóugne síue….

Paghíure ca l’acque du céile

m’araisce ògni pedòte ind’a la tèrre…,

ca u véinde s’accarre u respére…,

ca la memória pèrse

s’allarghe cóme a na gòccia d’óugghie…

Paghíure…, paghíure de re paróle citte

ca, tremuènne…,

iéssene tra re labbre

a racchendòie recóurde sbiadéte

e stepòte ind’all’èneme

angóre pe picche…

Paghíure du sguarde ca nan tróve reggétte…,

paghíure ca la còsa mè

m’addevénde frastère…,

paghíure de scherdamme de mè stèsse

…e addevendòie chiú néinde de néinde!…

Séne, sòch’éie pe l’alte,

pe l’amóre de le figghie, pe l’améce…,

ma quande de lóre

m’avèssena chiamá a nème

e pe quande m’avèssa vletòie angóre?…

U sòpe u desténe

segnate dó caméne de la véte

ca de vógghie de cambò

nan à mà sazzie…

giovedì 28 Settembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 10:01)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Mauro Di Molfetta
Mauro Di Molfetta
4 anni fa

Complimenti Signor Rigante; ho letto con attenzione e mi è piaciuto molto.