Attualità

​La città di Bisceglie ha celebrato il centenario della morte di Biagio Abbate

Pinuccio Rana
Il centenario della morte di Biagio Abbate
Intenso programma di iniziative per la ricorrenza della morte del maestro di musica
scrivi un commento 375

Sabato 30 settembre su iniziativa della Fondazione Musicale del m° Biagio Abbate, presieduta dal dott. Tommaso Di Terlizzi coadiuvato dall’avv. Tonio Belsito, è stato organizzato un programma di iniziative per la ricorrenza della morte del bitontino maestro di musica Biagio Abbate (1846-1917).

Alle 17.30 è stata inaugurata una stele dedicata al maestro, realizzata dalla DE.GE.Co Marmi del geom. Corrado Di Gennaro Di Molfetta in un’aiuola attrezzata dalla ditta T.L. Piante in Piazza San Francesco a Bisceglie alla presenza del sindaco Vittorio Fata e delle autorità cittadine; alle ore 18.30 è stata tenuta una conferenza nel Teatro Garibaldi, a cui hanno partecipato il prof. Luigi Abbate (pronipote del maestro), docente di composizione al conservatorio di Parma, il prof. Paolo Addesso, docente di Direzione per Banda al Conservatorio di San Pietro Mayella di Napoli, il prof. Giovanni Pellegrini direttore d’orchestra del Concerto Bandistico Biagio Abbate Città di Bisceglie e il giornalista scrittore Luca De Ceglia, autore della biografia di B. Abbate pubblicata dalla Fondazione.

I relatori hanno animato il talk show magistralmente condotto dal presentatore Donato De Cillis con un dibattito storico e musicologico che il pubblico presente alla cerimonia ha apprezzato per la sua caratura. Dopo la conferenza , la Fondazione Musicale ha donato pergamene di benevolenza ai Maestri e Direttori della Banda: Consueto Michele, Giuseppe Cipri, Giuseppe De Michele e Giovanni Pellegrini.

Alle ore 18.30, al termine del dibattito si è tenuto il Gran Concerto Bandistico “Biagio Abbate” città di Bisceglie diretto dal prof. Giovanni Pellegrini di Polignano a Mare. Fra le musiche suonate, la ” Marcia Sinfonica” e “La vera sfida”(il valzer “La vera sfida”, il maestro lo aveva composto a Noicattaro nel 1879 e mai era stato eseguito prima di questa serata), composte da Biagio Abbate, “La sagra dei fiori”(Festa del Calendimaggio, con la benedizione dei fiori in un clima festoso-poema sinfonico descrittivo)e “A Tubo” di suo figlio Ernesto,”Abbatiana di Paolo Addesso. A rendere più gioiosa la serata dedicata al maestro, il dono di Cecilia Gigante alla fondazione: il pianoforte su cui suo padre, il m° Aldo Gigante che fu direttore della Banda dal 1964 al 1971, si esercitò e impartì tantissime lezioni di musica ai tanti giovani appassionati al linguaggio universale della musica, che verrà conservato presso l’Accademia della Fondazione..

martedì 3 Ottobre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 9:52)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti