Attualità

Donato un defibrillatore al Don Uva Calcio

La Redazione
Donato un defibrillatore al Don Uva Calcio
L'iniziativa della Gifes, associazione barese che si occupa di corsi di rianimazione cardiopolmonare
scrivi un commento 183

Un regalo estremamente importante.

La GIFES – associazione barese che si occupa di corsi di rianimazione cardiopolmonare e di supporto vitale di base ai traumatizzati – ha donato alla società del Don Uva Calcio un defibrillatore semiautomatico, durante un incontro tecnico-pratico rivolto a dirigenti e tecnici.

Attiva da tanti anni sul territorio di Bari e provincia, la GIFES coinvolge medici e infermieri attivi soprattutto nel settore legato alla medicina d’emergenza.

Il presidente Giuseppe Conti – docente di materie infermieristiche all’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e da sempre vicino al mondo dello sport e del calcio in particolare – così spiega la necessità di dotarsi di un DAE: “Il defibrillatore è un apparecchio salvavita in grado di rilevare le alterazioni del ritmo della frequenza cardiaca e di erogare una scarica elettrica al cuore, utile ad azzerare il battito cardiaco e, successivamente, a ristabilirne il ritmo. In tutto il 2016 circa 120 atleti hanno perso la vita durante manifestazioni sportive. L’uso del defibrillatore è dunque una questione culturale, una battaglia di civiltà, che il mondo dello sport dovrebbe affrontare davvero e vincere”.
“Oggi la presenza di un defibrillatore è obbligatoria in ogni impianto sportivo – ha continuato Conti – e la sensibilità a queste tematiche del presidente del Don Uva, nonché caro amico, Giuseppe Milone, ci ha spinto verso una risposta positiva riguardo la donazione di un DAE. Ora è a disposizione, mi auguro senza mai essere utilizzato, di tutti coloro che giocheranno a calcio su questo splendido e storico campo”.

sabato 7 Ottobre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 9:48)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti