Calcio

La Bisceglie sportiva insorge contro il gruppo ultras e difende il presidente Canonico.

Alessandro Ciani Passeri
Nicola Canonico
Sui social centinaia di messaggi di solidarietà e vicinanza nei confronti del patron stellato. Lanciato un hashtag per l'occasione #iostoconcanonico
4 commenti 1029

Una Città in difesa del presidente della prima squadra di calcio cittadina e un netto distacco dal gruppo più estremo della tifoseria. A meno di 24 ore dai cori offensivi nei confronti del presidente dell’ A.S.Bisceglie Nicola Canonico da parte di una quarantina di supporters nel corso della gara di Coppa Italia tra Bisceglie e Virtus Francavilla (vinta dai nerazzurri per 2-0,ndr), sui social è insorta la ribellione di tifosi, appassionati, simpatizzanti dei colori nerazzurro stellati presenti in ogni parte d’Italia ma anche da parte di semplici cittadini biscegliesi.

Centinaia i messaggi di stima e solidarietà nei confronti del patron nerazzurro sono apparsi sul gruppo facebook ufficiale del club https://www.facebook.com/asbisceglieofficial/ e sulla bacheca personale dello stesso Canonico.

Dopo la ferma condanna di tutto il gruppo dirigente attraverso le parole del Dott. Francesco De Martino nella conferenza stampa post gara, nella mattinata odierna sui vari social si è scatenata la protesta di sportivi e appassionati locali pronti a condannare ed emarginare un gruppo di tifosi che rappresenta solo una piccolissima minoranza della bisceglie sportiva e che non può in nessuna maniera e per nessun motivo condizionare e rompere un giocattolo che ha visto la stella bianca del calcio pugliese ritornare a brillare anni di oblio.

Nelle ultime ore è stato persino lanciato un hashtag per l’occasione, affinchè si crei una vera e propria campagna di vicinanza nei confronti del numero uno stellato: #iostoconcanonico

Bisceglie, quella vera, la stragrande maggioranza degli sportivi che la rappresentano, stanno dimostrando attraverso messaggi che continuano ad apparire ininterrottamente, di essere grati a Nicola Canonico per quanto fatto per il glorioso club nerazzurro; grati per aver dato lustro ad un sodalizio caduto nell’ultimo ventennio negli inferi dei campionati dilettantistici; grati per aver dato la possibilità a uomini ormai adulti di rivedere il calcio che conta riaccendendo una passione ormai sopita dopo quella rapida ascesa iniziata nel Luglio 1998 dalla mancata iscrizione in serie C; grati per aver consentito a tanti bambini di rivedersi non nei giocatori di club di serie A come Inter, Milan o Juve, ma in quelli del Bisceglie, indossando la maglia dei vari Lattanzio, Montaldi, Jovanovic, Petta e dei tanti atleti che hanno in questi anni dato gioia e soddisfazioni ad un popolo che può raffigurarsi finalmente con orgoglio nella squadra della propria Città.

Le immagini di Nicola Canonico in lacrime per la vittoria di Trastevere dello scorso anno, vero crocevia per la vittoria del campionato, i trionfi del “Flaminio” di Roma e del “S.Nicola” di Bari nella stagione 2011/2012, l’aver nell’estate del 2016 ripreso per i capelli un club sull’orlo del fallimento ed averlo riportato in auge, non sono state dimenticate da chi ha del buon senso e sa cosa significa riconoscenza.

Bisceglie è questa, Bisceglie è con Nicola Canonico.

mercoledì 18 Ottobre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 9:26)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
4 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Luigi dipinto
Luigi dipinto
4 anni fa

Tanti bambini che avrebbero voluto il settore giovanile nei professionisti a Bisceglie e non a Taranto vergogna e ora non pubblicate

Giuseppe MASTROTOTARO
Giuseppe MASTROTOTARO
4 anni fa

????????????????????????????????????????????????????????

Emanuele Di Luzio
Emanuele Di Luzio
4 anni fa

Canonico è un galantuomo e un grande presidente

Mauro Ventura
Mauro Ventura
4 anni fa

La bruttissima pagina scritta in occasione della gara di coppa italia tra Bisceglie e Virtus Francavilla non può e non deve minimamente offuscare la prestigiosa figura del Presidente Canonico. Nel confermarle la mia stima non mancherò mai di esserle grato