Attualità

“Io dono, non so per chi ma so perché”, iniziativa dell’Aido

La Redazione
“Io dono
L'appuntamento promosso dall'Associazione Italiana per la Donazione di Organi, tessuti e cellule
scrivi un commento 146

L’associazione Aido di Bisceglie (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, tessuti e cellule), in collaborazione con l’Associazione ONLUS Rinascita di Barletta, organizza un convegno informativo sulla cultura della donazione e del trapianto dal titolo “Io dono non so per chi ma so perché”.

Patrocinato dal Comune di Bisceglie, l’evento avrà luogo sabato 11 novembre, a partire dalle ore 9:00, presso il Palazzo Tupputi-Laboratorio Urbano Bisceglie (secondo piano). L’obiettivo primario è quello di diffondere la cultura della donazione per poter così ridurre drasticamente le lunghe liste d’attesa che interessano soprattutto il meridione.

Sono circa 9.000 i pazienti che hanno bisogno di un organo salvavita in Italia, mentre i trapianti effettuati poco meno di 3.000. L’attività trapiantologica non è una sperimentazione ma un programma terapeutico consolidato: la qualità dei trapianti è tra le migliori a livello europeo. Dopo i saluti di Lillo Di Puma, Presidente associazione Vitae Onlus, di Giulia Di Luzio, Presidente Aido Bisceglie, e del Sindaco Vittorio Fata, interverrà Vito Scarola, Vicepresidente Aido nazionale. Protagonista del convegno sarà il dottor Gabriele Catalano, medico trapiantologo dell’ospedale Cisanello-Pisa che relazionerà sui trapianti di fegato e sulle nuove terapie farmacologiche. Seguirà un dibattito tecnico scientifico in cui il pubblico potrà partecipare attivamente con domande da porre agli esperti. Le conclusioni saranno affidate al dottor Federico Ruta del Centro Nazionale Trapianti Operativo di Roma.

L’evento è gratuito ed aperto a tutti.

lunedì 6 Novembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 8:56)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti