Politica

Angarano lascia il gruppo del Pd e porta in Consiglio comunale Bisceglie Svolta

La Redazione
Angelantonio Angarano
Le ragioni della decisione dell'ormai ex capogruppo
scrivi un commento 494

Una decisione sofferta, ponderata, ma alla fine era l’unica opzione possibile: Angelantonio Angarano, capogruppo del Partito democratico ha notificato ieri il suo distacco dal partito che lo aveva anche candidato Sindaco di Bisceglie alle ultime elezioni amministrative e rappresenterà in questo scorcio finale di consigliatura il movimento Bisceglie Svolta che è stata la lista di riferimento alle scorse elezioni e che potrebbe essere anche il trampolino di lancio come candidato Primo Cittadino alle prossime amministrative.

In una lettera aperta, il perché di questa decisione.

Eccone il contenuto integrale:

«Con la presente comunico la mia decisione irrevocabile di dimettermi da Capogruppo consiliare e di contestuale uscita dal gruppo del Partito Democratico con decorrenza immediata.

Dopo una lunga e non facile riflessione ho preso atto della mancanza delle condizioni per svolgere in maniera seria e costruttiva il ruolo affidatomi dal partito e sostenuto da più di 5700 cittadini biscegliesi nelle scorse elezioni.

E’ di tutta evidenza che con l’ingresso dell’intera maggioranza nel Pd – attraverso il tesseramento e senza alcuna condivisione di visione politica – e dopo il recente congresso è venuta meno quella necessaria chiarezza e distinzione dei ruoli in relazione al compito (assegnatoci dagli elettori, è bene ribadire!) di rappresentare una sana e costruttiva opposizione in Consiglio comunale.

Durante questi anni e, soprattutto, negli ultimi mesi si è cercato di mantenere tale chiarezza e distinzione nella sostanza, attraverso la coerenza espressa nei nostri interventi in Consiglio comunale, le interrogazioni, gli emendamenti, le proposte, le segnalazioni.

Ma adesso, e ancor di più dopo la vicenda della”decadenza”, sostenere -in Consiglio comunale e tra i cittadini- la credibilità di un “Pd di minoranza” opposto ad un “Pd di maggioranza” è diventato uno sforzo improponibile quanto inutile.

Il compito della minoranza, prestigioso e carico di responsabilità, è imprescindibile nella dialettica che dovrebbe caratterizzare il dibattito consiliare e doveroso nei confronti della volontà espressa dai cittadini con il voto popolare.

Questa funzione si è spezzata e quindi ritengo che siano venuti a mancare i presupposti per rappresentare e guidare il gruppo consiliare del Partito democratico.

Una decisione sofferta, ma ferma, quella che ho preso, da uomo che crede fortemente nei valori e nei principi originari del Pd e della sana politica: spero di averlo dimostrato in ben 7 anni consecutivi all’opposizione spesi cercando di rappresentare al meglio gli interessi della collettività.

Continuerò a svolgere il mio ruolo di Consigliere comunale con l’impegno di sempre, cercando di onorare gli elettori che ci hanno dato fiducia: lo farò in rappresentanza del gruppo consiliare di “Bisceglie Svolta”, lista civica nelle elezioni amministrative del 2013 a supporto del programma elettorale del Centrosinistra, da me rappresentato in qualità di candidato Sindaco.

La lista civica di Bisceglie Svolta continuerà con coerenza a sostenere i principi cardine di quel programma anche in consiglio comunale, nella consapevolezza che la nostra comunità, reduce da anni di evidente malgoverno, necessita di una “voce”che responsabilmente continui a farsi carico dei mille problemi che la attanagliano».

martedì 7 Novembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 8:56)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti