Cronaca

Ex Carabiniere ammazzato in Brasile, Paky Simone: «Mio fratello abbandonato dalle istituzioni»

La Redazione
Mario Simone
Molta rabbia da parte dei parenti di Mario per quella totale mancanza di attività di supporto, che in questi casi, dovrebbero garantire le autorità e le istituzioni
scrivi un commento 939

La famiglia di Mario Simone – l’ex carabiniere di 51 anni ferito a morte in Brasile, a Igarapè-Miri (Regione del Parà), e poi morto nell’Hospital metropolitano di Alameda BR ha incontrato la stampa questo pomeriggio per fare il punto su quanto accaduto ed esternare le difficoltà che sta per il rimpatrio della salma.

«Mario era un cittadino italiano che si era trasferito lontano per fare una vita dignitosa- commenta Paky Simone, il fratello della vittima -. Era lì, faceva i suoi lavoretti e proteggeva le persone più deboli, aveva una compagna e si era fatto carico di proteggere anche i figli della stessa: li ha tolti dalla strada. Era un Carabiniere con 25 anni di servizio e aveva la divisa attaccata alla pelle e sentiva i doveri civici e morali. Non aveva timore reverenziale di alcunché e di chicchessia. Era un uomo forte, capace che purtroppo è stato sopraffatto dalla forza brutale della criminalità organizzata brasiliana».

Molta rabbia da parte dei parenti di Mario per quella totale mancanza di attività di supporto, che in questi casi, dovrebbero garantire le autorità e le istituzioni, in primis, quelle presenti sul territorio: «Non c’è stata la forza dirompente dello Stato Italiano che vuole far luce sugli avvenimenti».

Ieri, intanto Luigi De Mucci, il coordinatore prov.le di Forza Italia è stato contattato dalla famiglia Simone che, come già detto, sta avendo gravi problemi per riportare la salma in Italia, per una richiesta di aiuto: «Dopo aver appreso della tragica vicenda – commenta De Mucci – ho puntualmente informato l’on. Luigi Vitali che è intervenuto tempestivamente ed ha interessato il capogruppo al Senato di FI Paolo Romani. Quest’ultimo ha preso contatti con la Farnesina ed ha assicurato un suo interesse a far sì che lo Stato si faccia carico del sostegno alla famiglia».

giovedì 30 Novembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 8:20)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti