Attualità

Gli impegni per la pace del Club per l’Unesco di Bisceglie

Francesco Sinigaglia
Il Club per l'Unesco Bisceglie a Napoli
Il 10 dicembre a Rutigliano, il 12 a Napoli
scrivi un commento 438

Il Club per l’UNESCO di Bisceglie, presieduto da Pina Catino, opera per la Giornata dei Diritti Umani a Rutigliano, domenica 10 dicembre 2017, presso sala convegni parco A. Localzo nella convention “Camminare insieme verso una cultura di Pace”. Si tratta di un evento nel solco del ricordo dei valori dell’umanità intera da difendere.

In questo spirito, le Nazioni Unite hanno adottato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che costituisce «Un ideale comune da raggiungere per tutti i popoli e tutte le nazioni». La Dichiarazione Universale, infatti, incarna le aspirazioni comuni dell’umanità, radicate in diverse culture, espresse chiaramente nel preambolo: «Il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali e inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo».

Martedì 12 dicembre, poi, a Napoli presso l’Appartamento Storico del Domenichino nel Duomo Cappella del Tesoro di S. Gennaro sarà inaugurata la mostra-convegno Paesaggi – Cultura : il genio dell’arte e della storia sosterrà i quattro punti di Forza dell’agenda 2030 ONU. L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile promette di non lasciare nessuno indietro: i Diritti Umani devono essere il fondamento di tutti i progressi. L’evento, a cura dei Club per l’UNESCO di Bisceglie e di Napoli – Membri della Federazione Italiana per l’UNESCO, conclude la Rassegna Autunno in Cappella 2017.

Quest’anno, la Dichiarazione Universale festeggia i suoi 70 anni, in un’epoca in cui le sfide sono sempre più numerose. Nel dicembre 1948, l’UNESCO è stata la prima agenzia delle Nazioni Unite a porre la Dichiarazione Universale al centro di tutta la sua azione, per promuoverla in tutto il mondo attraverso l’educazione e i media.

Oggi l’UNESCO è l’agenzia capofila per l’educazione circa i diritti umani: è lo spirito del lavoro dell’UNESCO per l’educazione alla cittadinanza globale, per rafforzare il rispetto per la diversità culturale sulla base della solidarietà e dei diritti universali.

L’UNESCO lancia, inoltre, il suo Rapporto Mondiale sul Monitoraggio dell’Educazione per i Giovani (Global Education Monitoring Report on Youth) e una campagna che invita i giovani a ritenere responsabili della garanzia i governi circa il diritto all’istruzione per tutti.

Il primo articolo della Dichiarazione Universale – ricorda la dott.ssa e presidente del Club UNESCO per Bisceglie Pina Catino – recita: «Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti». Questo proclama ha risuonato nel mondo nel 1948 e continua a risuonare ancora oggi. In verità un sogno che, in realtà, è partito da lontano, dal 1799. Fu la Rivoluzione francese, figlia dell’illuminismo, a far nascere un testo che stabiliva e ricordava che gli uomini sono liberi e uguali.

domenica 10 Dicembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 8:02)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti