Attualità

Violino e pianoforte per una serata indimenticabile a Villa Ciardi

La Redazione
Sabrina Di Maggio eMario Valentino Scarangella
L'appuntamento è fissato per il prossimo 7 gennaio 2018
scrivi un commento 484

VILLA CIARDI apre la sua dimora alla MUSICA CLASSICA.

DOMENICA 7 GENNAIO 2018 VILLA CIARDI già Conti Curtopassi, dalle 19:00, si colora di Musica e sarà possibilenaccedervi per partecipare a questo CONCERTO (a INGRESSO LIBERO).

L’occasione sarà gradita agli ospiti per visitare le nobili sale di questa prestigiosa struttura.nVILLA CIARDI è facilissima da trovare, in via Sant’Andrea 210/208/206 a BISCEGLIE.

In duo, si esibiranno al VIOLINO la giovanissima SABRINA DI MAGGIO ed il M° MARIO VALENTINO SCARANGELLAnche la accompagnerà al PIANOFORTE. Durante questo concerto (in collaborazione con l’associazione concertistican”EurOrchestra”) sarà possibile ascoltare gradevolissime musiche di Arcangelo Corelli, Frizt Kreisler, Wolfgang AmadeusnMozart ed anche del Cav. di Gran Croce IGNAZIO CIVERA (nativo di MARGHERITA DI SAVOIA) di cui nel 2018 ricorrenun importante anniversario.

Ed ecco alcune note biografiche dei due artisti:

SABRINA DI MAGGIO, nata a Pontedera (PI), studia Violino al Conservatorio di Musica di Bari sotto la guida dellanprof.ssa Maria Rosaria Lamonaca. Durante il suo percorso di studi sta conseguendo i principali esami sempre colnmassimo dei voti. Ha vinto il Primo Premio Assoluto alla IV Edizione del Concorso “EurOrchestra” 2014, il Primo Premionalla XVI edizione del Concorso Internazionale “Strawinsky” 2015 ed il Primo Premio Assoluto al Concorso InternazionalenMusicale “Mediterraneo” 2017. Nel 2016 ha ottenuto (da una giuria composta da 9 maestri tra cui la pianista encompositrice Angela Montemurro ed il maestro Francesco De Santis, direttore artistico del concorso internazionalen”Euterpe” di Corato) il Primo Premio Assoluto (Premio Speciale conseguito con la votazione massima di punti 110 enlode) al Concorso “Ignazio Civera”.

E’ stata apprezzata anche da importanti maestri quali Franco Mezzena e CristianonRossi che, al termine di masterclasses da loro tenuti, la hanno fatta esibire, come solista, durante i rispettivi ConcertinFinali. Si è già esibita, sempre come solista, durante importanti stagioni concertistiche tra cui “EurOrchestra” dei maestrinFrancesco Lentini ed Angela Montemurro. Recentemente si è tra l’altro esibita a Castellaneta (città in cui vive) innConcerto Premio assegnatole dall’associazione musicale “Gioconda De Vito”.

Nel 2017, al termine di una sua esibizionennell’Auditorium “Nino Rota” di Bari, il M° Gianpaolo Schiavo (attuale Direttore del Conservatorio di Musica di Bari) le hanpubblicamente consegnato l’attestato di “Giovane Eccellenza Solista” del Conservatorio di Bari. Sabrina Di Maggionsuona su un violino di liuteria cremonese realizzato da Pasquale Sardone. Hanno scritto di lei:n”… il secondo concerto ha avuto per protagonista una violinista, Sabrina Di Maggio, accompagnata al pianoforte dalnbravissimo Mario Valentino Scarangella. Una violinista – originaria di Castellaneta, il paese tarantino che ha dato i natalinal grande Rodolfo Valentino – che ha cominciato a prendere dimestichezza con lo strumento esaltato da Paganini sinndall’età di sette anni. E i risultati, coinvolgenti ed ammalianti, sono stati toccati con mano ben sottolineati dai calorosi encrescenti applausi dell’entusiasta “parterre”… (Vinicio Coppola, sul “Quotidiano di Bari” del 28 marzo 2017).n”…Abbiamo noi ascoltato una giovane violinista, Sabrina Di Maggio, in un piccolo suo recital tenuto nella sede estiva delnCircolo Unione di Bari laddove era accompagnata al pianoforte (e benissimo per altro) dal suo mèntore, il M° MarionValentino Scarangella.

Un concerto dimostrativo è stato, vista la giovane età della violinista del Conservatorio di Bari mangià in possesso di alcune peculiarità legate all’arte di questo difficile strumento: intonazione, colpo d’arco, precisione,nmusicalità.”… (Pierfranco Moliterni, su “Il Corriere Nazionale” del 16 luglio 2017).

MARIO VALENTINO SCARANGELLA si è diplomato in pianoforte al Conservatorio di Bari, col massimo dei voti, sotto languida di Angela Montemurro Lentini. Iniziati gli studi di composizione (con Ferdinando Sarno e Ottavio De Lillo) hanintrapreso attività concertistica come solista, in duo col violino, e come solista in concerti per pianoforte e orchestra. Hananche collaborato con ballerini di danza classica. Si è perfezionato con importanti maestri, tra cui Rodolfo Caporali,nottenendo il diploma di merito e partecipando al concerto finale riservato ai più meritevoli. Partecipa ai concerti finalinanche perfezionandosi con Michele Marvulli e Danilo Costantini.

Studia anche con Antonio Bacchelli, Massimo Paris enFausto Zadra in corsi internazionali di interpretazione e perfezionamento in pianoforte, musica da camera per archi enpianoforte, clavicembalo e prassi esecutiva della musica napoletana del ‘700 per violino e basso continuo. Vince premi innconcorsi pianistici, tra cui la medaglia d’argento al Concorso Nazionale di Esecuzione Musicale (presidente della giurianAldo Clementi), Primo classificato al concorso Nino Rota (presidente della giuria Giovanni Antonioni, direttore artisticondella Camerata Musicale Barese), risulta tra i primi 4 classificati al XX Concorso Nazionale Allievi Pianisti (presidentendella giuria Antonio Trombone), si classifica primo su 40 finalisti precedentemente selezionati in ogni parte d’Italia,nvincendo così il trofeo “Girotondissimo” di Mario Acquarone organizzato dal settimanale Topolino e presentato danClaudio Lippi.

Si interessa anche al campo della musica leggera, avendo partecipato (come autore dei testi e dellenmusiche) ad alcuni Festivals, come quello a Napoli diretto da Ernesto Guarino (la canzone “Nunzia”, stampata nel 1998 nsu compact disc e musicassette dalle Edizioni Midasol e distribuita da More Record & Discopiù, risultò vincitrice delnpremio speciale “Partenope” consegnato personalmente da Mario Merola. Riportò successo anche a Genova nel festivaln”Musica e parole d’autore per la canzone” diretto da Nello Villa (canzone “Angela”, stampata su spartito e musicassettendalle Edizioni 4 Elle). Attualmente è docente titolare di cattedra al Conservatorio di Bari dove insegna il suo strumento danoltre un trentennio. Autore anche di musica da camera (tra cui il “Chocolate Waltz” per violino e pianoforte, pubblicatondalla Editoria Musicale Lamuraglia), annovera tra i suoi allievi vincitori di competizioni musicali.

E’ stato anche direttorenartistico del Trofeo Civera ai tempi d’oro della omonima Accademia d’Arte fondata e diretta da Ignazio Civera, concorsonche condusse a Bari giovani talenti musicali provenienti da tutta Italia, In qualità di solista ha inaugurato gli “Incontri colnMaestro” nel chiostro del Conservatorio di Monopoli, ha inaugurato la Stagione Concertistica nel Salone dinRappresentanza della Provincia di Brindisi e si è esibito anche a Bari, Pescara, Teramo, La Spezia, Milano, Mantova, innSardegna, in Svizzera. etc. Membro di giuria in concorsi internazionali, Mario Valentino Scarangella è attivo anche comencollaboratore pianistico partecipando in qualità di pianista ufficiale a numerosi masterclasses tenuti da importanti maestrinquali Corrado Roselli, Ida Decenvirale, Felix Ayo, Franco Mezzena, Cristiano Rossi, Giovanni Angeleri, etc. Dal 2016 ènmembro del Consiglio Accademico del Conservatorio di Musica di Bari. E’ stato anche membro del comitato artisticondirettivo del Festival Internazionale Organistico “città di Bari” operante nella chiesa Santa Croce.

E’ coordinatore artisticondi alcune iniziative internazionali promosse dall’associazione “EurOrchestra da Camera di Bari”. Sostenitore della praticanstrumentale che preveda condivisione di intenti tra docente e discente, attualmente si sta dedicando alla realizzazione dinpubbliche esecuzioni in duo con la giovanissima violinista Sabrina Di Maggio. Hanno scritto di lui:n”…il maestro Mario Valentino Scarangella nel concerto ha preso dimestichezza con lo strumento raggiungendo un livellonmusicale molto buono. Nelle musiche di Liszt le sue mani si sono poi mosse sulla tastiera con velocità sorprendentenottenedo effetti di notevole rilievo. E’ stato a lungo applaudito…” (Mariella Gaudiuso, su “Realtà Nuove”).n”…In un festival pianistico, come quello che è in svolgimento alla Vallisa e che vede impegnati docenti ed allievi delnConservatorio “Piccinni” di Bari, impeccabile base pianistica garantita ad un esemplare livello da Mario ValentinonScarangella.

Foltissimo il pubblico convenuto, con entusiamo alle stelle e bis con la Tarantella di Rossini, che hanconcesso a Scarangella di sfoggiare un trascinante virtuosismo strumentale”… (Nicola Sbisà, su “La Gazzetta delnMezzogiorno”).

mercoledì 27 Dicembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 7:30)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti