Cronaca

«​Vorrei la terza dose per mio figlio. Vi racconto la mia odissea a Bisceglie»

La Redazione
Vaccinazioni anti Covid
Lettera aperta di un cittadino che non riesce ad ottenere risposte
4 commenti 3626

Incessantemente si ascoltano appelli sulla necessità di procedere velocemente verso le terze dosi e si invitano i cittadini a prenotare il prima possibile il proprio turno di somministrazione. Ma, come spesso accade, tra il dire ed il fare c'è una distanza spesso incolmabile. 

nn

E' bene ricordare che soprattutto nella Bat si sta procedendo al riavvio degli hub vaccinali, chiusi per le pressanti richieste che venivano dal mondo dello sport di riappropriarsi dei loro spazi (i palazzetti utilizzati come centri di vaccinazioni di massa). Dal momento della loro chiusura alcune città come Bisceglie e Trani sono andate in sofferenza, in attesa di far partire i nuovi hub. Ma, intanto, i cittadini hanno giustamente fretta per mettersi al sicuro anche dalla nuova variante Sudafricana della quale si sta parlando diffusamente in queste ore.

nn

Registriamo in proposito una lettera aperta alla redazione di Bisceglielive.it da parte di un cittadino (lettera firmata e che per ovvie ragioni di tutela della privacy si garantisce l'anonomato):

nn

«Gen.le Direttore,

nn

ho letto il vostro articolo in merito ai vaccini covid nella Bat e, vorrei poter esprimere la mia esperienza in merito per quanto riguarda la situazione di Bisceglie. Ieri, 29 novembre, ho cercato di ottenere una prenotazione per mio figlio titolare di invalidità al 100% e quindi soggetto fragile, senza ottenere risultato. In prima istanza avevo contattato il medico di base che ci ha invitati a rivolgerci presso il centro vaccinale. Poiché mi risulta che il centro vaccinale di Bisceglie è chiuso e le indicazioni del sito “pugliasalute” indicano il centro polifunzionale “Don P. Arcieri”, ho prima tentato una prenotazione presso il numero verde sempre indicato sul sito pugliasalute, ma dopo vari tentativi con attese di oltre 20 minuti, cadeva la linea, a questo punto ho tentato con il numero verde del CUP, qui mi ha risposto un operatore, che mi ha invitato a recarmi di persona presso l’ufficio vaccinazioni, in quanto la prenotazione tramite loro prevedeva tempi lunghi.

nn

Ho deciso di recarmi presso il centro polifunzionale, dove un addetto allo sportello mi ha riferito che loro non potevano effettuare prenotazioni e di rivolgermi al metronotte presente in sala, al quale mi sono rivolto e che mi ha riferito di non essere lui a conoscenza di come muovermi. A questo punto ho deciso di chiedere ad un addetto presente in uno degli uffici. Dopo un attesa di alcuni minuti la persona si è liberata e mi sono avvicinato per chiedere informazioni, ma con meraviglia, anche questa persona mi ha riferito di non essere a conoscenza di cosa fare, ho chiesto di parlare con un responsabile che dopo ulteriore attesa mi ha riferito di rivolgermi al medico di base, in quanto per lui è quest’ultimo che doveva intervenire e che loro non avendo personale a disposizione né locali adatti, non potevano effettuare vaccinazioni.

nn

A questo punto mi sono arreso e chiedo se è mai possibile che in una cittadina come Bisceglie, con circa 60 mila abitanti, sia possibile una cosa del genere. Le chiedo le autorità cittadine sono a conoscenza di tale situazione e si stanno organizzando per risolvere il problema, per non parlare dei dirigenti sanitari a livello regionale e anche locale».

nn

 

n

martedì 30 Novembre 2021

(modifica il 27 Luglio 2022, 19:30)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
4 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Maria P.
Maria P.
8 mesi fa

Caso tutto da verificare, negli hub vaccinali si accede per anche senza prenotazione. Anzi la coda dei non prenotati è spesso più rapida di quella dei prenotati. Il cittadino può cercarsi a Bari se avverte questa urgenza di vaccinare suo figlio, sicuramente nell'hub della Fiera del Levante troverà il suo vaccino.

Gerom
Gerom
8 mesi fa

Sono solo autoreferenziali i dirigenti a tutti i livelli. Immagino il povero metronotte o guardia giurata, come si è sentito, lui che non c entra proprio nulla. Pubblicità e progresso

Francesco
Francesco
8 mesi fa

Riporto la mia diretta esperienza: Ho 64 anni, i cinque mesi per la terza dose scadono a fine dicembre ed ho pensato di prenotarmi per poter ricevere la terza dose a gennaio. Mi è stato fissato l’appuntamento per i primi di marzo in alternativa l’operatore mi suggerito di scegliere un’altro comune della Bat dove le attese sono notevolmente più brevi; pare sia un problema prettamente biscegliese. Probabilmente la chiusura dell’hub al Palacosmai senza prevedere un’alternativa non è stata una grande idea.

Maria Rosaria Licchetta
Maria Rosaria Licchetta
8 mesi fa

Attualmente per fare il vaccino ci si può presentare negli hub di Andria o Barletta anche senza prenotazione