Politica

Concluso a Bisceglie il 2° Congresso provinciale dell’Anpi Bat

La Redazione
Concluso a Bisceglie il 2° Congresso provinciale dell’Anpi Bat
Il biscegliese ​Antonello Rustico è il nuovo presidente provinciale
scrivi un commento 194

«È terminato il 2° Congresso Provinciale dell’ANPI BAT che si è svolto a Bisceglie venerdì 10 dicembre, nella splendida cornice della Sala degli Specchi di Palazzo Tupputi. Il Congresso si è aperto con una gradevolissima sorpresa: l’artista Erica Mou ci ha regalato Bella Ciao, inno universale di libertà, con la sua splendida voce accompagnata dalla sua chitarra».

nn

E' quanto si legge nella nota a firma di Antonello Rustico​, responsabile provinciale dell'associazione partigiani.

nn

n

«Ospiti del Congresso – prosegue Rustico -, coadiuvato dalla neo-presidente della sezione locale Rosalba D’Addato, sono stati la Coordinatrice dell’Osservatorio regionale sui Neofascismi Antonella MorgaAdelmo Cervi, figlio di Aldo, uno dei sette fratelli trucidati dal fascismo nel 1943, e Piero Cossu vicepresidente nazionale.

nn

Dopo il caloroso saluto del sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano, e il saluto di altre autorità e associazioni presenti, c’è stato l’intervento dell’on. Francesco Boccia. Entrambi sono stati i primi tesserati della sezione locale dell’ANPI.

nn

Nell’intervento l’on. Boccia ha stigmatizzato come il pericolo dei neofascismi è assolutamente reale e che bene fa l’ANPI a spendersi per portare avanti i dettami sanciti della nostra Costituzione repubblicana.

nn

Antonella Morga ha affrontato, partendo dal ricco documento congressuale (disponibile sul sito nazionale www.anpi.it sezione congresso), le urgenze attuali comparandole alla luce della nostra Costituzione e sottolineando la freschezza della nostra Carta costituzionale.

nn

L’intervento appassionato di Adelmo ha scaldato i cuori della platea. Dal suo discorso, con un impeccabile accento emiliano, ha evidenziato l’urgenza di unire il più possibile il fronte antifascista affinché il sangue versato per la guerra di liberazione non risulti oggi vano o addirittura dimenticato.

nn

Roberto Tarantino, presidente provinciale uscente, ha tratteggiato tutto il percorso di questi ultimi dieci anni di sua presidenza sottolineando le varie tappe e come in questa fase segnata dalla pandemia sia riuscito a radicare la nostra associazione in tutta la sesta provincia.

nn

A lui va il nostro pieno ringraziamento per tutto quello che ha fatto e soprattutto per la tenacia e la passione che gli provengono da anni di esperienza vissuta sulla propria pelle. L’infaticabile Roberto, lo ricordiamo, è il nipote di Francesco Grasso, il colonnello di Barletta che il 12 settembre 1943 si oppose ai tedeschi della Wehrmacht, pagando con l’internamento di 22 mesi (come il povero Patrick Zaki, evocato negli interventi) nei lager, la sua fedeltà alla coscienza di italiano che si opponeva, come altri militari italiani, all’occupazione nazifascista.

nn

Dai veri interventi dalla platea, sottolineiamo quello di un delegato al congresso Emanuele Arcieri, che ha invocato una maggiore coerenza tra azione e prassi nelle pratiche quotidiane di ognuno di noi e nei vari ambiti della vita civile.

nn

Le conclusioni sono state eseguite da Piero Cossu, vicepresidente nazionale che ha sintetizzato, in modo davvero efficace, il documento nazionale con gli interventi e suggerimenti della platea congressuale.

nn

È stato poi eletto il nuovo presidente provinciale nella persona di Antonello Rustico, già presidente della sezione locale, che ha ringraziato per la fiducia ripostagli e per questa nuova sfida.

nn

L’assemblea ha proposto la carica di presidente onorario a Roberto Tarantino, che affiancherà in questa nuova fase il neo-presidente e ha altresì proposto lo spostamento della sede provinciale a Bisceglie.

nn

Un ringraziamento a tutt@ i compagni biscegliesi che hanno accompagnato l’insediamento dell’ANPI della nostra città, allargato le proposte e consentito a Bisceglie la possibilità di ospitare la sede provinciale. È davvero un onore per la nostra città ospitare questa storica associazione combattentistica, la più grande d’Italia, che ha superato le 120.000 adesioni ed è in piena espansione e presenza territoriale».

n

n

lunedì 13 Dicembre 2021

(modifica il 27 Luglio 2022, 18:50)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti