Cronaca

​Prefettura e Sindaci al lavoro per l’accoglienza dei cittadini ucraini in fuga dalla guerra​

La Redazione
Ucraina
L'esito delle riunioni per mettere a punto la macchina della solidarietà
2 commenti 87

Prefettura di Barletta Andria Trani al lavoro per la gestione dell’accoglienza dei cittadini ucraini in fuga dalla guerra.

Nella giornata di lunedì, infatti, il Prefetto Maurizio Valiante ha partecipato, assieme agli altri Prefetti pugliesi, ad una riunione in videoconferenza con il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ed i Presidenti regionali di Anci ed Upi, nel corso della quale si è deciso di istituire una Cabina di regia interistituzionale, composta dai rappresentanti di Regione, Prefetture, Forze dell’Ordine, Province e Comuni. La Cabina di Regia dovrà occuparsi dei molteplici aspetti connessi agli arrivi in questa regione dei cittadini ucraini in fuga dalla guerra, con particolare riferimento alle procedure di registrazione, alle attività di screening sanitario ed all’individuazione delle strutture di accoglienza.

A tale ultimo riguardo, nei giorni scorsi il Prefetto aveva già sensibilizzato i Sindaci, nel corso di apposita riunione, e diramato ai medesimi indicazioni operative per favorire in prima battuta l’aumento della capacità ricettiva del sistema di prima accoglienza che fa capo ai Centri di Accoglienza Straordinaria (Cas) e del Sistema di Accoglienza e Integrazione (Sai) del territorio.

Tuttavia, in considerazione delle attuali limitate disponibilità di posti nella rete dei Cas e dei Sai, si è ritenuto necessario promuovere accordi di collaborazione tra Prefettura e Comuni, finalizzati al potenziamento della rete di accoglienza mediante l’individuazione, da parte dei Comuni, di ulteriori soluzioni alloggiative che possano garantire tutti i servizi necessari ad un’agevole inclusione di cittadini ucraini nel contesto territoriale, secondo la disciplina del sistema Cas, con oneri a carico del Ministero dell’Interno.

Nella mattinata di martedì il Prefetto ha quindi riunito in videoconferenza i Sindaci del territorio ed i rappresentanti della Asl Bt e dell’Ufficio Scolastico Regionale, per definire congiuntamente un assetto organizzativo territoriale funzionale alle linee strategiche della cabina di regia regionale, in modo da fronteggiare da subito ogni criticità connessa all’emergenza.

 Nel corso della riunione sono stati infatti delineati, a livello territoriale, gli aspetti prioritari per una adeguata e pronta gestione dell’accoglienza, a partire dalla necessità di intercettare e registrare formalmente la presenza di cittadini ucraini che hanno raggiunto autonomamente propri connazionali residenti in questa provincia e registrarne la presenza presso appositi “centri di registrazione” da attivare nell’ambito degli Uffici Anagrafe di tutti i Comuni, per poi dare corso immediatamente alla profilassi sanitaria ed alla regolarizzazione della presenza sul territorio mediante rilascio di permesso di soggiorno per protezione internazionale, nonché all’eventuale inserimento scolastico dei giovani in età scolare.  

In relazione a tanto, l’Azienda Sanitaria Locale ha manifestato ampia disponibilità ad assicurare lo screening sanitario che preveda tamponi anticovid, eventuale svolgimento del periodo di quarantena in caso di positività e la somministrazione delle vaccinazioni, anche mediante i diversi hub vaccinali già attivati in tutti i comuni.

Analoga disponibilità è stata fornita dall’Ufficio Scolastico Regionale in ordine alla immediata sollecitazione di tutti i Dirigenti scolastici per garantire ai minori che raggiungeranno questa provincia il proseguimento del proprio percorso educativo e formativo, fornendo sostegno e accompagnamento all’inclusione scolastica, supporto psicologico e linguistico.

mercoledì 9 Marzo 2022

(modifica il 27 Luglio 2022, 15:21)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Maria P.
Maria P.
5 mesi fa

Speriamo solo di non dover rivedere gli sprechi di denaro e le malversazioni compiute nella accoglienza degli immigrati.

Annalisa L.
Annalisa L.
5 mesi fa

È partita la gara di solidarietà. Mancano però le gare…. di appalto, pubbliche.