Cronaca

Gli alunni del Terzo circolo “San Giovanni Bosco” in marcia per la pace in Ucraina​

Pinuccio Rana
close
BISCEGLIE 14 marzo 2022 MARCIA DELLA PACE messaggio di Mons. Giovanni Ricchiuti Pres. Pax Christi
Hanno invaso piazza Vittorio Emanuele di fronte al Monumento dei Caduti con fiori gialli e azzurri
2 commenti 1357

Un serpentone di oltre cinquecento alunni del terzo circolo didattico “San Giovanni Bosco” di via Amando Vescovo, con striscioni, cartelli, bandiere è partito lunedì mattina in una marcia silenziosa attraversando il centro della città e confluita fino al monumento dei caduti in Piazza V. Emanuele II, A guidare la Marcia della Pace la dirigente del circolo didattico Maura Iannelli, coadiuvata da tutti gli insegnanti e da molte mamme. Ad attendere gli alunni in Piazza V. Emanuele, S.E.R. Mons. Giovanni Ricchiuti. Vescovo di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti, presidente di Pax Christi Italia, nativo di Bisceglie, il sindaco Angelantonio Angarano, il comandante della Polizia Municipale dott. Michele Dell’Olio, il comandante della Tenenza Carabinieri di Bisceglie sottotenente Paolo Petruccelli.

La dirigente Maura Iannelli

“La comunità del 3 circolo ha voluto esprimere il suo “NO ALLA GUERRA “ sfilando per le strade della nostra  città con in mano fiori gialli e azzurri come simbolo di pace e solidarietà verso il popolo ucraino. Per noi, uomini e donne di scuola, è difficile spiegare il significato della guerra ai nostri alunni e alle nostre alunne. Una guerra che non si legge nei libri di storia, ma di cui si avverte quotidiano la tragica presenza. Sentiamo tutti il bisogno di far sentire la nostra voce con la speranza che chi gestisce il potere possa attivarsi affinché si possa rapidamente trovare una soluzione per fermare il conflitto”.

 Il sindaco Angelantonio Angarano

“Tutti i circoli didattici di Bisceglie in questi giorni stanno tenendo manifestazioni per la

pace coinvolgendo i bimbi. Iniziative lodevoli perché trasmettere ai più piccoli l’importanza di valori come la fratellanza tra popoli, la non violenza, la libertà e la democrazia è essenziale per costruire un futuro migliore, un futuro di pace. Bravi tutti.

Stamane ho partecipato con grande emozione alla coloratissima marcia del Terzo Circolo “San Giovanni Bosco” che si è conclusa con un presidio al monumento ai Caduti in Piazza Vittorio Emanuele in cui insieme abbiamo detto a gran voce #NOallaguerra .

Un plauso alla Dirigente Scolastica Maura Iannelli e tutti i docenti che hanno organizzato con impegno la manifestazione. Un ringraziamento a Mons. Giovanni Ricchiuti, presidente di

Pax Christi Italia, al Comandante della Tenenza Carabinieri di Bisceglie, Ten. Paolo Petruccelli, e al Comandante della Polizia Locale, Michele Dell’Olio, per esserci stati e per aver, con la loro significativa presenza, contribuito a diffondere un corale messaggio di pace insieme ai bimbi”

Il presidente Pax Christi Mons. Giovani Ricchiuti

“Questa mattina è un messaggio ancora una volta di speranza, di pace, perché questo sole che splende sulle sciagure umane, sia un sole che splenda sulle speranze di pace e di solidarietà di tutta l’umanità. Buona giornata di pace a Noi, ai Russi, agli Ucraini, alle guerre dimenticate, e a tutti i popoli.”

 

 

lunedì 14 Marzo 2022

(modifica il 27 Luglio 2022, 15:04)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Annalisa L.
Annalisa L.
4 mesi fa

in pratica degli adulti hanno utilizzato dei bambini delle scuole elementari come riempitivo per fare numero e colore ad una manifestazione politica sui cui contenuti poco o nulla abbiamo capito. Sarebbe davvero interessante sapere cosa ne pensa l'Ispettorato Scolastico regionale di questo tipo di iniziative che sottraggono gli alunni all'insegnamento, anche della storia, quella che aiuterebbe i piccoli a comprendere davvero cosa sta succedendo in Ucraina e perché.

Marco
Marco
4 mesi fa

Nonostante l'aumento esponenziale dei contagi si continuano a organizzare nelle scuole marce e manifestazioni che sono una fonte certa di contagi.