Attualità

Concerto per la pace del New Chorus a Roma Intangibile, fondi per l’Ucraina

Pinuccio Rana
Concerto per la pace del New Chorus a Roma Intangibile
Il sostegno ai bambini colpiti dalla guerra
1 commento 313

Si è tenuto questo venerdì 25 marzo nella sede di Roma Intangibile il Concerto per la Pace, al fine di raccogliere fondi per i bambini ucraini. Una iniziativa voluta fermamente dal New Chorus diretta dal M° Marzia Pedone e dal presidente di SOMS  ROMA INTANGIBILE dott. Pasquale D’Addato, per testimoniare la contrarietà alla Guerra in Ucraina a gran voce accogliendo l'accorato appello inviato dal Presidente dell'Associazione Nazionale Cori Ucraini, al mondo corale italiano:

 “Stiamo vivendo un momento drammatico in Ucraina, in cui ogni certezza e visione del futuro è stata calpestata e umiliata dalla violenza di una guerra che ad ogni ora diventa più sanguinosa. Mi rivolgo a voi per rassicurarvi… perché nonostante tutto noi abbiamo nei nostri cuori una risorsa che ci permette di andare avanti e superare l’angoscia che ci assale… sappiamo di essere parte di una GRANDE FAMIGLIA CORALE che abbraccia tutto il mondo e che è unita soprattutto nei momenti difficili a prescindere da ogni appartenenza. Noi ci sentiamo uniti a tutti voi perché siamo come voi, avendo gli stessi valori e credendo fortemente nella straordinaria forza della musica e del canto. Molti di noi sono proprio ora all’interno di bunker o nei passaggi della metropolitana e tenendoci per mano, spesso intoniamo canti di pace e di speranza… immagino che anche voi lo facciate in questi giorni. Riceviamo messaggi anche da tanti coristi russi che ci esprimono la loro solidarietà e il totale dissenso dalla condotta di guerra adottata dal proprio governo. Sarebbe bello che un giorno, in ogni parte del mondo, tutti i cori facciano sentire le proprie voci ai potenti della terra, ai governanti, agli eserciti… affinché possano capire che in fondo siamo tutti fratelli, legati dagli stessi bisogni e dagli stessi desideri…ci auguriamo che la luce del canto corale torni ad essere abbagliante e ad inondare le nostre vite e che il brutto sogno che fatica ad abbandonarci, lasci posto alla serenità e alla gioia completa”.

Il presidente del sodalizio Pasquale D’Addato rivolto ad alcune donne e bambini ucraini presenti ha detto”soffriamo con Voi e siamo amici, siamo fratelli, Vi vogliamo bene e Vi amiamo, non demordete mai. Noi siamo a fianco ai vostri uomini che stanno combattendo, non demordete!”

Il sindaco Angelantonio Angarano ha ricordato la vicinanza della comunità biscegliese al popolo ucraino. “Li stiamo accogliendo con una grande dimostrazione di generosità e di solidarietà, affetto caloroso per chi oggi soffre”.

Il concerto del gruppo polifonico New Chorus diretto dal M° Marzia Pedone e accompagnato al pianoforte dal M° Emanuele Petruzzella ha avuto un grande successo di pubblico. Ad aprire il concerto l’inno italiano e l’inno ucraino per attribuire il giusto significato all’iniziativa ed è proseguito con l’Inno alla Gioia dalla 9 sinfonia di L.V.Beethoven, l’Ave Maria di P.Mascagni, e poi Va Pensiero dal Nabucco di G. Verdi e I Sogni son desideri di Hoffman e terminando con La vita è bella di N. Piovani.

Al termine dell’evento il sacerdote don Franco Di Liddo ha rivolto insieme a tutti i presenti una supplica al Cuore Immacolato di Maria affinchè si arrivi alla pace.

 

domenica 27 Marzo 2022

(modifica il 27 Luglio 2022, 14:24)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Annalisa L
Annalisa L
4 mesi fa

Fondi per l'Ucraina? Ma se il Governo ucraino ha ricevuto miliardi di dollari dagli Usa e miliardi di euro dall'Ue. Ma ha pensato bene di spenderli per le armi, non per assistere i suoi cittadini. Zelensky chiede armi non aiuti umanitari.