Cronaca

I Giusti e la Memoria del Bene, gli eventi alla scuola Riccardo Monterisi

Pinuccio Rana
Il campo di Auschwitz
Tutti gli appuntamenti dedicati alla tragedia della Shoah
scrivi un commento 135

I Giusti e la Memoria del Bene hanno dato l'avvio alle iniziative con le quali la scuola secondaria di primo grado Riccardo Monterisi non vuole dimenticare il Passato dell'Olocausto.

nn

Mercoledi 25 gennaio nell'Aula Magna i Giusti Daniele Cupertino e Teresa Morelli hanno parlato in una videoconferenza ad alunni e a docenti attraverso le parole del figlio Paolo. Le immagini di un lontano tragico passato si sono materializzate. La Storia era lì che narrava di fughe disperate e di insperate porte e finestre che si aprivano e si chiudevano dietro di loro nascondendoli agli inseguitori nazisti. Sconosciuti volti di salvezza che diventeranno i volti dei giusti tra le nazioni.  Come potremmo sapere quelo che accadde se non ci fosse testimonianza? Se non ci fossero stati tanti Daniele Cupertino e tante Teresa Morelli? I loro nomi sono impressi sul muro dei Giusti per aver salvato la vita a degli ebrei, ospitandoli per tre mesi nella loro casa tra il 1941 e il 1945.

nn

“Quelli che dimenticano il passato sono condannati a ripeterlo“ é il titolo invece della performance teatrale, musicale e coreutica che si è tenuta giovedì 26 nell'Aula Magna.

nn

Il 27 gennaio le note della coppia tromba-pianoforte apriranno la mostra tematica “Per non dimenticare i giusti" allestita nel giardino della scuola che si trasforma nel Giardino dei Giusti: gli alunni guidati dalle instancabili mani dei professori di arte e tecnologia Mariangela Rana, Annamaria Papagni, Maria Losciale e Paolo Sciancalepore, sotto la direzione del prof. Di Pierro, referente del Progetto, hanno dato vita ai Giusti tra le Nazioni, ovvero a coloro che si sono prodigati per la salvezza degli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

nn

Il 27 e il 28 gennaio la compagnia de Il Teatro dei Cipis di Molfetta  metterà in scena lo spettacolo M120XM90; la performance, destinata al pubblico delle classi terze, prende forma dalle testimonianze dei sopravvissuti all’Olocausto; in una sezione di quattro quadri, le drammatiche vicissitudini degli ebrei sono raccontate dal punto di vista di un bambino costretto a dover rinunciare al sogno del calcio per sopravvivere ad Auschwitz.

nn

"Il viaggio di Fanny” é il film scelto per le classi prime e seconde che sabato 28 gennaio sará proiettato al cinema-teatro Politeama di Bisceglie. Nella Francia del 1943, protagonista è Fanny, un’adolescente ebrea costretta a separarsi dalla sua famiglia e vivere in una colonia in montagna. Quando i controlli nazisti s’intensificano, sola e senza punti di riferimento, la giovane Fanny guiderà i suoi compagni verso la fuga per raggiungere il confine svizzero e quindi la salvezza.

n

venerdì 27 Gennaio 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 17:16)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti