Politica

Riforma delle Province, Ventola: «Un grande pasticcio all’italiana»

La Redazione
Francesco Ventola
"Gli enti continuano ad esistere ma senza soldi"
scrivi un commento 138

Il consigliere regionale di Direzione Italia, ex presidente della Provincia Bat, Francesco Ventola, ha chiesto l’audizione dell’assessore Nunziante e dei presidenti Anci e Upi Puglia in merito alla rifrma delle Province, da lui definita “un grande pasticcio all’italiana”.

“Siamo sicuramente l’unico Paese al mondo che facciamo e attuiamo anni prima una Riforma, la Delrio, dando per scontato che il referendum costituzionale avrebbe sancito la cancellazione definitiva delle Province. E, invece, è andata in modo diverso: gli enti continuano a esistere ma senza soldi. Il rischio fallimento non è nuovo; in questi ultimi anni il governo non solo ha tolto entrate alle Province, ma ha chiuso i rubinetti anche sul piano delle risorse da destinare a quei servizi che pure gli enti hanno dovuto garantire, due su tutti: manutenzione delle scuole superiori e delle strade provinciali. Insomma la sicurezza degli studenti e degli automobilisti da garantire senza soldi! I presidenti, prima hanno fatto i salti mortali, quando poi hanno capito che si dovevamo attrezzare per i miracoli, hanno alzato bandiera bianca e hanno cominciato a presentare esposti cautelativi contro il Governo in Procura, Corte dei Conti e Prefettura.

La Regione Puglia, muovendosi nei confini della sciagurata riforma non ha saputo fare di meglio se non istituire il corpo di vigilanza ambientale regionale. Assurdo! Per questo ho chiesto al presidente della Settima Commissione, Congedo, di invitare l’assessore Nunziante e i presidenti di Upi e ANCI per un’audizione che vada oltre le parole, ma che prospetti iniziative utili per dare una mano alle province pugliesi”.

mercoledì 19 Aprile 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 15:04)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti