Politica

Acque reflue, entro l’autunno 21 milioni di euro per gli impianti. Anche a Bisceglie

La Redazione
I reflui di un depuratore
Permetteranno agli agricoltori di non stressare pozzi, canali da bacini idropotabili e eviteranno lo spandimento in mare di acqua
scrivi un commento 247

Dodici disciplinari per la costruzione di altrettanti impianti per il riuso e l’affinamento delle acque reflue. Sono stati sottoscritti stamattina dall’assessore ai lavori pubblici, Giovanni Giannini.

I comuni e le aree coinvolte riguardano Carovigno, San Pancrazio Salentino, Acquaviva, Cassano Murge, Fasano, Sammichele, Gioia, Barletta, Castellaneta, Castellana, Santa Cesarea e Trani, con una spesa complessiva di 29 milioni e 61mila euro.

Entro l’autunno arriverà anche il disciplinare per la nostra città: «altri 21 milioni di euro – spiega l’assessore Giannini – saranno sbloccati (per Bisceglie, Pulsano, Faggiano, Conversano, Corato, Tricase, Zapponeta e Corsano) con le firme dei disciplinari entro l’autunno. E ce ne sono altri 28 a disposizione quando saranno resi disponibili altri progetti cantierizzabili».

I fondi sono del Po Fesr 2014-2020 e permetteranno agli agricoltori di non stressare pozzi, canali da bacini idropotabili e eviteranno lo spandimento in mare di acqua che invece sarà utile per il rinascimento delle falde freatiche a rischio salinizzazione.

«Non facciamo solo proclami, come qualcuno pretende di dichiarare – ha detto Giannini – ma facciamo interventi preziosi in una fase di crisi idrica e ambientale per gli incendi che imperversano dai monti Dauni a Lama Balice. Provvediamo a dare alla popolazione e alle forze produttive e agricole strumenti per migliorare il proprio ambiente di vita e di lavoro, risparmiando risorsa idrica quando il pericolo siccità è dietro l’angolo».

I progetti prevedono il riutilizzo dei reflui affinati in tabella DM 185/2003 per usi agricoli e industriali e anche antincendio (come per Santa Cesarea): erano arrivate 74 manifestazioni di interesse da parte di comuni ed enti: 52 sono state ammesse con riserva, 12 sono stati finanziati e oggi si sono firmati i disciplinari che permettono l’avvio di lavori e attività in impianti che a volte sono già in parte funzionanti.

sabato 1 Luglio 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 12:58)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti