Cronaca

​Sport e natura, il potenziale inespresso dell’area che arriva sino alle Grotte di Ripalta

Francesca Todisco
​Sport e natura
Una porzione del territorio biscegliese che andrebbe valorizzata e rilanciata
scrivi un commento 328

L'interesse nel nostro territorio per lo sport praticato in ampi spazi aperti si fa sempre più evidente soprattutto dopo il lungo periodo di fermo sociale che ci ha condizionati. A testimoniarlo è il nostro lungomare sempre più affollato di persone che praticano jogging, vanno in bici o utilizzato per semplici passeggiate.

Già dall'arrivo della primavera, i biscegliesi hanno approfittato dei nostri spazi per poter praticare attività di diversa natura, in gruppo e non. In particolare, ha attirato l'attenzione un luogo forse ancor poco conosciuto, che culmina a ridosso delle Grotte di Ripalta: si tratta di un percorso tracciato a partire dalla ex Bimarmi. Il sentiero percorribile si affaccia completamente sul mare, circondato dal verde e dalla natura selvatica nel quale sorgono alcuni casali abbandonati.

A ridosso della roccia si può ammirare il mare, sottolineato dalla presenza di ringhere in legno che tracciano il percorso praticabile a piedi o in bici, per poi giungere al punto più alto. Qui si può ammirare una porta in pietra adiacente due fantastici trulli che incantano i passanti.

Questo luogo è ancora poco valorizzato e potrebbe rappresentare per Bisceglie un potenziale evolutivo proprio per lo sport, per chi ama la natura, tra roccia e mare, immerso completamente nelle campagne e nei vigneti.

Il nostro territorio oltre le spiaggie promosse dalla bandiera Blu, conserva tante risorse per chi volesse praticare sport liberi e in aree incontaminate. Ci si augura pertanto che venga valorizzata questa porzione del territorio, prevedendo attività ludiche e ricreative volte al rispetto della natura che ci circonda.

martedì 19 Aprile 2022

(modifica il 27 Luglio 2022, 13:26)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti