Attualità

“Un giorno per l’anima” in ricordo di Gianni Lenoci

Francesco Sinigaglia
close
30 APRILE INTERNATIONAL JAZZ DAY DEL CLUB UNESCO BISCEGLIE - CIRCOLO UNIONE BISCEGLIE -APS L'ORA BLU
Il Jazz come strumento di sviluppo e crescita del dialogo interculturale volto alla tolleranza e alla comprensione reciproca
scrivi un commento 129

Grazie all'impegno dell'Ambasciatore di buona volontà dell'UNESCO Herbie Hancock, il Jazz è stato riconosciuto nel 2011 dall'UNESCO Patrimonio Immateriale dell’Umanità, per condividere i valori di un genere musicale profondamente significativo. L'Herbie Hancock Institute of Jazz è il partner ufficiale dell'UNESCO nell'organizzazione e nella promozione dell'International Jazz Day che ha inoltrato lettere di ringraziamento al Club per l’UNESCO di Bisceglie per le azioni svolte per la Giornata, negli anni scorsi in piena pandemia.

Per far comprendere la complessa struttura e le molteplici funzioni dell’UNESCO, il Club per l’UNESCO di Bisceglie, Circolo Unione di Bisceglie e l’Ora Blu APS hanno inteso celebrare insieme  la Giornata Internazionale del Jazz, che ricorre il 30 aprile, in ricordo del pianista e compositore italiano Gianni Lenoci, Docente nei corsi di jazz presso il Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli a partire dal 1990, dedicandogli un incontro che sarà trasmesso anche in diretta su YouTube (https://youtu.be/Y8avjx7uBM4) con l’obiettivo di favorire il dialogo, stimolare il pensiero critico e indurre il senso di collettività e responsabilità su come agire l’AGENDA 2030. “L’educazione musicale di qualità – affermano i Presidenti organizzatori Pina Catino Club per l’UNESCO di Bisceglie, Donato De Cillis Circolo Unione Bisceglie, Marta M. Camporeale L’Ora Blu APS – può aiutare a sensibilizzare gli ascoltatori e ispirare la comprensione di nuove prospettive nel preparare la strada ad azioni positive”. La celebrazione dal titolo Unione in Jazz: un Giorno per l’Anima sarà interpretata, dopo il Saluto alle Bandiere e la lettura del Preambolo dell’Atto Costitutivo dell’UNESCO (Londra 16 nov. 1945), dalla voce di Gianluigi Belsito. L’incontro vedrà anche il saluto dei Presidenti (Catino – De Cillis – Camporeale) e l’esibizione Hocus Pocus 4 a cura di Vittorio Gallo (Sax), Pasquale Gadaleta (Contrabasso), Giacomo Mongelli (Batteria). Dialoga con i musicisti e il pubblico il poeta e drammaturgo Zaccaria Gallo.

Brevi note sugli artisti:

– Gianni Lenoci, diplomato in pianoforte presso il Conservatorio "S. Cecilia" di Roma e in musica elettronica presso il Conservatorio "N. Piccinni" di Bari, da compositore ha inciso oltre 30 album e interpretato l’opera completa per strumento a tastiera di Johann Sebastian Bach. Lenoci aveva ottenuto numerosi riconoscimenti: finalista all’European Jazz Competition di Leverkusen (1993), vinse un premio della Fondazione Acanthes di Parigi (1996); il Premio Internazionale della Società Italiana di Informatica Musicale per la composizione Notturno Frattale (1996) e l'E.Brown/M.Feldman Grant Program (2015). L'International Jazz Day è un movimento globale che raggiunge miliardi di persone ogni anno in tutti e sette i continenti, attraverso l'istruzione e la sensibilizzazione della comunità.

– Vittorio Gallo, diplomato in Sax, Musica Jazz, Laurea di II livello di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica, svolge attività concertistica e si dedicò alla composizione dal solo strumento a formazioni più ampie fino ad arrivare all’orchestra di stampo jazzistico. Ha inciso 30 cd, suonato in molti festival in Italia e all’estero collaborando con grandi musicisti (John Surman, Michel Godard, Cristina Zavalloni, Louis Sclavis, Antonello Salis, Gianluigi Trovesi, Tim Berne, Steve Potts, John Tchicai, Evan Parker, Charles Gale, Sylvano Busssotti e altri). Ha inciso la colonna sonora del film “La fine della notte” di Salvatore Piscicelli; le musiche per il documentario “Città di pietra” che è stato esposto alla Biennale di Venezia.

– Pasquale Gadaleta, diplomato in contrabbasso classico presso il Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli, ha conseguito presso lo stesso Istituto il diploma accademico di II livello in discipline musicali a indirizzo interpretativo-compositivo in musica jazz con il massimo dei voti e la lode. È stato vincitore di borsa di studio presso i seminari di Siena Jazz dove ha studiato con Bruno Tommaso e Furio Di Castri. Ha seguito seminari e workshop di perfezionamento con Miroslav Vitous, Marc Johnson, Dennis Irwin e Rufus Reid. Nel 2007 è stato vincitore del Premio Nazionale delle Arti, sezione Jazz. Ha suonato e inciso con Tullio De Piscopo, Claudio Fasoli, Gianluigi Trovesi, Enrico Rava, Massimo Urbani, Pino Minafra, Steve Lacy, John Surman, Micheal Godard e tanti altri grandi musicisti. È stato docente di contrabbasso jazz presso il Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari e il conservatorio “Nino Rota” di Monopoli.

– Giacomo Mongelli, laurea con lode presso la cattedra di Jazz – Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli, ha partecipato a numerosi corsi e seminari tenuti da G. Trovesi, G. Basso, C. Zingaro, J. Leandre, S. Battaglia, P. Damiani, D. Liebman, M. Stockhausen, S. Potts. Presenzia a seminari di batteria con i musicisti Billy Drummond, Bobby Dhuram, Fabrizio Sferra, Roberto Gatto.  Partecipazione a numerosi festival italiani ed esteri. Ha suonato con diversi musicisti tra cui: S. Potts, G. Lenoci, D. Murray, P. Montagne, T. Ho Bynum, T. Ghiglioni, M. Stockhausen, I. Serto, K. Carter, M. Magliocchi, J. Tchicai, K. Berger, S. Mateen, R. Ottaviano, G. Trovesi, G. Partipilo, G. Maier. Nel 2007, nella sezione Jazz, vince il Premio delle Arti. I brani del suo disco Suite 24 saranno la colonna sonora del film “Via Appia” del regista P. De Falco partecipando al Torino Film Festival, Bifest, Lecce Film Festival. Nel 2008 prende parte ai gruppi Theatrum di S. Battaglia.

– Zaccaria Gallo è nato a Susa di Tunisi da padre italiano e madre serba, medico chirurgo, fondatore di Medicina Solidale. Ha pubblicato sette volumi di poesie (alcuni tradotti anche in Serbia, Romania e Montenegro), un volume di saggistica (“Atri Corti e Cortili di Bisceglie”), un romanzo e racconti in numerose antologie. Ѐ in corso di pubblicazione un ultimo romanzo con la casa editrice Florestano. Ha collaborato a numerose riviste; ha fondato diverse Compagnie di Lettura ad alta voce. Per il cinema ha scritto e sceneggiato il film “My Molfetta” e scritto e rappresentato numerosi lavori teatrali. Oltre 500 sono i reading e le presentazioni letterarie alle quali ha partecipato e, oltre a numerosi Primi premi, ha conseguito il Premio Luigi d’Angiò e il Premio Iguana intitolato ad Anna Maria Ortese entrambi per la sua lunga carriera artistica. Ha fondato a Bisceglie e in altre città italiane “Il giardino dei Giusti” ed è attualmente direttore artistico della Associazione Ora Blu.

mercoledì 27 Aprile 2022

(modifica il 27 Luglio 2022, 13:08)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti