Cronaca

​Crac della Cdp, Perrone «Sono stato assolto dopo 8 anni di immeritato calvario e di sofferenza​»

La Redazione
L'ex Casa della Divina Provvidenza
Lo sfogo del sindacalista Cisl dopo la sentenza della Corte d'Appello
scrivi un commento 1030

 Il sindacalista della CISL biscegliese Michele Perrone (assistito dall'avv. Mario Malcangi) è stato assolto con formula ampia dalla Corte d'Appello di Bari dall'addebito di aver contribuito a dissipare il patrimonio dell'ex Casa Divina Provvidenza.

Gli si contestava, in particolare, di aver chiesto ed ottenuto dai vertici dell'Ente l'assunzione (che l'Accusa riteneva non dovuta) di sua figlia e di aver contraccambiato la "cortesia" con un atteggiamento sindacale morbido e contrario agli interessi dei lavoratori.

«Dopo circa otto anni di immeritato calvario e di sofferenza per la condanna ingiustamente patita in primo grado – si legge nella nota diffusa dallo stesso sindacalista -, la Corte d'Appello di Bari ha riconosciuto non solo che l'assunzione della figlia del Perrone Michele (ritenuta, invero, estranea ai fatti fin dal primo momento) fosse corretta, legittima e regolare ma, vieppiù, che l'azione sindacale di quest'ultimo sia sempre stata puntuale, rigorosa e perfettamente aderente ai suoi compiti e alle sue funzioni istituzionali».

Anche la compagine locale della CISL non può che manifestare apprezzamento per tale pronunzia che restituisce serenità al Perrone e dignità all'intero sindacato: «L'aver creduto nella giustizia, la fiducia riposta nel mio difensore Avvocato Mario Malcangi – scrive Michele Perrone -, la vicinanza della mia famiglia, e di quanti mi conoscono, mi hanno permesso di trascorrere questi lunghi anni di Calvario in serenità. A loro un grande Grazie, anche a chi non è più tra di noi».

 

domenica 1 Maggio 2022

(modifica il 27 Luglio 2022, 12:52)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti