L'intervento

Tragedia sfiorata, Spina: «Invece di farvi i selfie sulle barche di lusso, fate la manutenzione delle opere pubbliche»

foto di Tragedia sfiorata nel bagno del Teatro Mediterraneo: una vetrata precipita su un musicista
Tragedia sfiorata nel bagno del Teatro Mediterraneo: una vetrata precipita su un musicista
Dopo il caso della lastra di vetro nel bagno dell'anfiteatro Mediterraneo
1 commento 252

La vicenda raccontata da BisceglieLive.it della vetrata caduta nel bagno del Teatro Mediterraneo di Bisceglie dopo l’ingresso di un componente del cast de “La Traviata” si è subito trasformata in occasione di scontro politico. Ad accendere la miccia il Consigliere comunale di opposizione Francesco Spina che ha scritto un post sui social che si riporta integralmente:

«I selfie e le autocelebrazioni di Angarano, che non ha fatto in 4 anni neanche un’opera pubblica ma in compenso ha il record nazionale delle chiacchiere a vuoto, costano parecchio ai biscegliesi. Non solo in termini di stipendi inutili al sindaco e ai suoi amici e consulenti, ma soprattutto in termini di rischi per l’incolumità fisica per i cittadini.

Il sindaco, già sotto processo per una trave caduta nel centro storico in testa a un cittadino (salvatosi miracolosamente dopo il ricovero in ospedale), non si è spaventato ancora e, invece di lavorare in città per la manutenzione e la cura delle strutture pubbliche e del verde, perde tempo in questi giorni a offrire rinfreschi a pochi intimi con i soldi dei cittadini e a salire sulle barche dei turisti che vengono a Bisceglie, per farsi fotografare sulle barche di lusso.

Intanto, Le piante della città si seccano ogni giorno e alcune sono già cadute in questi anni anche in piazza Vittorio Emanuele, sfiorando le teste dei cittadini che passeggiavano. Si sono aperte voragini nelle strade con autovetture risucchiate dall’asfalto ceduto; nella scuola di via Fani una operatrice scolastica ha visto sprofondare sotto di sé la pavimentazione della scuola . Ogni giorno , insomma, i cittadini rischiano la propria incolumità circolando per la città e frequentando le strutture comunali.

L’orchestra provinciale di Bisceglie, ieri, nell’unico teatro rimasto aperto (l’anfiteatro “Mediterraneo”), dopo la chiusura del teatro Garibaldi e del Don Luigi Sturzo (polmoni culturali della precedente amministrazione comunale), è stata “accolta” (circa 100 componenti tra musicisti e coristi) con il dramma vissuto da un corista che è stato colpito sul braccio da una vetrata caduta dopo l’apertura della porta del bagno. Sarebbe potuta succedere una tragedia. Ma gli incoscienti della Svolta di Angarano e Silvestris hanno avuto solo un pensiero in questi mesi: istituire una tariffa di 350 euro per chi deve chiedere la concessione del teatro Mediterraneo (che dall’amministrazione Spina veniva concesso gratis) per una serata; ma i soldi che incassano, però , non li spendono per le manutenzioni ma per i loro consulenti e fotografi, con la conseguenza che la città sta crollando a pezzi proprio a causa della loro incuria e incapacità».

lunedì 25 Luglio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Maria Paola
Maria Paola
16 giorni fa

adesso basta a parlare male del mio sindaco. io non ti permetterò e bravo il sindaco fa le cose giuste.