Cronaca

Quaranta studenti da tutto il mondo per 10 giorni a Bisceglie

La Redazione
Studenti - archivio
Nell'ambito del progetto voluto da Eurosud in collaborazione con Erasmus+
scrivi un commento 388

Eurosud, associazione per la mobilità giovanile internazionale, è promotrice di un progetto di formazione e collaborazione con diversi partner provenienti da Francia, Croazia, Italia, Turchia, Malta, Giordania, Egitto e Palestina.

nn

Il meeting internazionale Erasmus+ "EUROPE MEETS EUROMED #EME17" sarà sviluppato proprio a Bisceglie.

nn

Il progetto – si legge nella nota di presentazione – è il risultato di una visione condivisa tra i partner, portando un gruppo di giovani insieme al fine di dare uno sguardo ai vari motivi che possono portare a conflitti.

nn

Nel fare questo, i giovani avranno la possibilità di esprimere le proprie opinioni e assumere un ruolo più attivo nella società. Si discuterà di come i conflitti a livello sociale, nazionale, regionale e internazionale ci riguardano e come si possano contrastare gli effetti negativi di tali conflitti.

nn

Il meeting internazionale “EUROPE MEETS EUROMED #EME " si propone di fornire agli animatori giovanili ed educatori nuove idee per workshops e sessioni di formazione che affrontano il tema del dialogo interculturale e dell’inclusione sociale nella loro comunità di provenienza.

nn

Tra gli obiettivi specifici:
n- Riflettere sulle forme quotidiane di discriminazione in Europa
n- Sviluppare nuovi strumenti educativi per facilitare il dialogo interculturale e inclusione sociale
n- Poter far incontrare le diverse realtà provenienti da paesi dell'Unione Europea e mondo arabo, con l'obiettivo di stabilire nuove partnership nel settore giovanile e principalmente nel campo dei diritti umani .

nn

Più di 40 partecipanti saranno ospiti in Puglia, a Bisceglie dal 28 febbraio all'8 Marzo. Il progetto internazionale è finanziato dal programma ERASMUS+ della Commissione Europea.

nn

Attraverso questo corso di formazione internazionale, con la presenza di trainers competenti, si affronterà  la discriminazione, fornendo agli operatori giovanili, youth-workers la conoscenza di diverse forme di discriminazione e come gestirle. Inoltre, i partecipanti saranno dotati di strumenti e competenze per coinvolgere i giovani in queste tematiche, in modo aperto e proattivo.

nn

Si segnala altresì la giornata del 6 marzo intitolata: Una giornata Erasmus+ a Bari: i partecipanti avranno la possibilità di visitare l'Università degli Studi di Bari ''Aldo Moro'' ed incontrare il Magnifico Rettore per un breve saluto. Successivamente il gruppo dei giovani studenti internazionali sarà accolto presso il BALAB spazio di coworking e “contaminazione” presso l'Università per poter incontrare i responsabili del CAP, il Centro di Apprendimento Permanente.

nn

Nel pomeriggio si procede con una visita guidata di Bari Vecchia e Castello con la formula innovativa di caccia al tesoro a squadre sulle orme della figura storica di San Nicola , organizzata dalla giovane start-up Tou.Play. L’obiettivo principale dell’associazione Tou.Play è quello di promuovere il territorio in una modalità innovativa e interattiva, unendo il turismo alle dinamiche di gioco e alla gamification.

nn

Una volta che la caccia al tesoro avrà dato i suoi frutti, il gruppo potrà dedicarsi all'esplorazione del quartiere murattiano e del centro storico della città di Bari utilizzando 'Use-it'map, la mappa per giovani turisti stranieri, interessante cartina topografica in inglese realizzata dallo studio di grafica Aps Aku Bari.

nn

Il progetto di formazione è stato finanziato dal programma ERASMUS+, organizzato “con il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione europea” e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Bari ‘’Aldo Moro” e di “PUGLIAPROMOZIONE” Agenzia Regionale del Turismo . Un ringraziamento particolare a “Passaporto Italia” Scuola di Lingua e Cultura Italiana ed all’associazione Aps Aku Bari.

nn

EUROSUD , associazione per la mobilità giovanile internazionale, è impegnata in attività di formazione ed educazione internazionale, attraverso tutti i principali programmi di finanziamento dell'Unione Europea, come Erasmus+ ,Erasmus per giovani imprenditori , Servizio Volontario Europeo ed Erasmus Internship, grazie anche alla collaborazione con partner pubblici e privati.

n

giovedì 23 Febbraio 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 16:27)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti