Politica

Pci di Bisceglie: Non partecipiamo alle Primarie Pd, ma guardiamo con favore ad Emiliano

La Redazione
I tre candidati alla segreteria Andrea Orlando
L'intervento della segreteria cittadina del partito
1 commento 356

La sezione A. Gramsci del Partito Comunista Italiano di Bisceglie «nel rispetto dell’autonomia di ogni singolo partito, NON interverrà in alcun modo nel voto delle primarie per la corsa alla segreteria nazionale del PD. L’etica che da sempre ci contraddistingue, ci impone di non interferire nelle vicende interne di altri partiti».

E’ quanto si legge nella nota diffusa dalla segreteria politica del Pci di Bisceglie.

«Noi Comunisti tuttavia – prosegue – presteremo particolare attenzione all’esito delle primarie in considerazione dei risvolti che potrebbero esserci sulla prospettiva politica, sia a livello nazionale che locale. Non appare superfluo, però, ricordare ai cittadini che l’ex Premier Renzi è colui che ha imposto pseudo riforme (vedi Jobs Act e c.d. Buona Scuola), degne del peggior governo di destra. Significativa è la sonora bocciatura rimediata dal Pd a Roma, Torino, Napoli, Liguria e, soprattutto, al referendum del 4 dicembre 2016, che avrebbe dovuto stravolgere la Costituzione, la cui lezione non sembra essere stata ancora recepita».

«Come se non bastasse, Renzi – insiste la segreteria Pci di Bisceglie – ha la responsabilità della scissione del suo stesso partito, nell’intento di trasformare il PD in un partito personale e centrista, snaturandolo e rompendo ogni dialogo con la sinistra e, soprattutto, con i lavoratori, con i giovani e con i ceti più deboli del Paese. Questa conduzione personalistica ha portato il PD a preferire il centrodestra di Alfano e di Verdini come alleato strategico ed a prefigurare alleanze future di governo perfino con Forza Italia e Berlusconi. Diverso potrebbe essere lo scenario in caso di grande affermazione del Presidente della nostra Regione Michele Emiliano, l’antagonista più netto di Renzi. Con Emiliano sarebbe più possibile instaurare un dialogo e tentare di costruire un rapporto unitario a sinistra, di cui il Paese avrebbe urgente bisogno».

«Con la consapevolezza della distinzione tra livelli nazionali e locali – conclude la nota -, attendiamo il 30 aprile per comprendere, anche a Bisceglie, quali margini vi siano per un percorso unitario con il PD, da noi auspicato da tempo o se, al contrario, bisognerà costruire scenari alternativi, per dare una scossa ad una Città e ad un Paese paralizzati da tesseramenti e da guerre intestine del partito di maggioranza.

venerdì 28 Aprile 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 14:48)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Maurizio cosmai
Maurizio cosmai
5 anni fa

Per questi personaggi essere eletti democraticamente con le primarie significa partito personale?? Vorrei sapere come sono eletti i rappresentati di questo partito che usurpa un nome importante che non rappresentano. Grazie a loro abbiamo avuto 20 anni di Berlusconi. Vergognatevi!