Cronaca

5 Stelle: «Istituto “Dell’Olio”: bando al chiacchiericcio politico, vogliamo i responsabili»

La Redazione
Il tetto scoperchiato dell'Istituto Dell'Olio di Bisceglie
La nota congiunta di Meetup "Bisceglie 5 Stelle" e Meetup "Cittadini a 5 Stelle in MoVimento"
scrivi un commento 353

«Si attaccano a vicenda, si coalizzano per poi litigare nuovamente. Destra che attacca Destra, Sinistra che attacca Sinistra dimenticando che, quando realmente potevano intervenire, non hanno fatto nulla».

E’ quanto scrivono, in una nota congiunta, i vertici di Meetup “Bisceglie 5 Stelle” e Meetup “Cittadini a 5 Stelle in MoVimento”.

«L’attuale “sistema politico” – spiegano – ha le mani ovunque, dal Governo alla Provincia sino all’ultimo Ufficio in fondo a destra del Comune, sono passati da ogni ruolo con i soliti slogan auto-celebrativi ma ad OGGI nulla è cambiato. Ora dimostrino che, oltre ai comunicati stampa, sono anche capaci di prendere provvedimenti: Vogliamo i responsabili!».

La vicenda è quella del crollo di parte del tetto dell’Istituto tecnico Giacinto dell’Olio di Bisceglie.

«Studenti e genitori, da sempre – scrivono i rappresentanti dei due circoli -, denunciano le condizioni negative in cui versa l’Istituto Dell’Olio nonostante gli spot-governativi, ascoltare la voce di chi la scuola la vive è il primo passo, nonché fondamentale, per fronteggiare i prossimi anni scolastici – “Attendiamo, ammassati come topi, magari in palestra o nel laboratorio, magari con il rischio di morire domani nella Vostra indifferenza” – La cultura alla sicurezza non ci tocca nemmeno quando a rimetterci le penne sono i nostri figli, ringraziando che questo non sia accaduto, come anche, sul sito della scuola in questione, sono state pubblicate foto di operai a lavoro che non rispettano le misure minime di sicurezza, viene naturale chiedersi se i “nuovi interventi” serviranno a mettere al sicuro i nostri ragazzi!».

«Spendiamo un sacco di soldi per formare docenti alla sicurezza degli Istituti – prosegue la nota -, abbiamo tecnici professionisti nelle istituzioni e nulla ci hanno insegnato gli accadimenti passati, in cui il crollo di edifici scolastici ha causato la morte di molti studenti e dove ci sono state condanne serie e interdizioni dai pubblici uffici nonostante il crollo abbia avuto luogo a seguito di un sisma e non per causa di “vento fortissimo”… Non possiamo rimandare le urgenze e continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto! I responsabili pagheranno o si continuerà in futuro a chiudere un un occhio? Come attivisti esprimiamo la nostra vicinanza a genitori e studenti ma restiamo in attesa di risposte Chiare da tutte le parti interessate. #StayTuned».

sabato 28 Ottobre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 9:12)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti