Cronaca

Daniela Baldassarra racconta come essere donna oggi, tra sesso, amori e paure

La Redazione
close
Trailer ZERO A ZERO di Daniela Baldassarra
Iniziativa al Castello di Bisceglie organizzata e promossa dal Centro Antiviolenza Save di Trani
scrivi un commento 873

Giovedì 30 novembre 2017 all’interno del Castello Svevo Angioino di Bisceglie l’attrice Daniela Baldassarra ha presentato il suo spettacolo “ZERO A ZERO” organizzato e promosso dal Centro Antiviolenza Save di Trani.

L’attrice, protagonista, con un linguaggio diretto, ironico e tagliente, racconta la sua storia: da moglie illusa e poi delusa, a casalinga frustrata, a madre mancata, a single impertinente alla ricerca del suo riscatto, a femme fatale. Co-protagonisti ovviamente gli uomini, con le loro manie, i pregiudizi, i tic e le fissazioni. Uomini che non riescono più ad essere eroi romantici, ma che riversano tutte le loro insicurezze nel rapporto di coppia. Donne e uomini spesso insopportabili, eppure indispensabili gli uni agli altri.

E’ infatti proprio all’idea di completezza, di complementarietà e di amore che punta la morale più profonda di questo spettacolo,dopo un percorso brillante e irriverente, la protagonista, con delicatezza ed emozione, è entrata in punta di piedi, nelle stanze più segrete del suo cuore, raccontando storie che all’improvviso diventano universali, e che quindi appartengono a tutti noi. La sapiente ironia e sagacia dell’attrice pone lo spettatore nella duplice situazione di guardare alla Donna con occhi diversi, o di restare intrappolato nei cliché che la società troppo spesso propone e impone.

Nel suo spettacolo “Zero a zero” Daniela Baldassarra riassume in sé tutte le contraddizioni di una generazione, le donne di oggi, dilaniate tra gli obblighi sociali e morali di essere impeccabili mamme, impeccabili mogli, impeccabili amanti, impeccabili lavoratrici, impeccabili amiche e vite invece sempre più complicate ed instabili, scandagliando a fondo il rapporto con l’altro sesso, ottenendo come risultato una partita non giocata tra uomini e donne, o giocata male, in cui nessuno risulta vincitore, in cui nessuno esulta, in cui nessuno porta a casa il risultato. Perché quando ci sono ostilità e indifferenza nei rapporti, si è tutti perdenti.

“L’ironia – spiega l’autrice – è un mezzo di comunicazione potentissimo, perché ci mette di fronte ad uno specchio con leggerezza, e di conseguenza non ci spaventiamo nel guardare dritti in faccia i nostri limiti e le nostre mediocrità. Sorridere, ridere di noi stessi è l’anticamera di un processo di catarsi, per chi, ovviamente, ha voglia di mettersi in gioco. Passare poi dal sorriso ad un’emozione più intima, serve a capire chi vogliamo essere e quanto abbiamo bisogno degli altri”

Durante tutto lo spettacolo, durato un’ora, Daniela ha saputo regalare tante risate e molte riflessioni sul rapporto uomo-donna ai tempi attuali a tutto il pubblico presente che l’ha ricompensata con scroscianti applausi.

La serata è stata introdotta dalla presidente del Centro antiviolenza SAVE della Cooperativa Promozione Sociale e Solidarietà del Centro Jobel di Trani, che riceve a Bisceglie in via Trento n. 16, presso la PUA, il mercoledì dalle 16.00 alle 18.00.

Recapiti – Tel. 0883.501407 – Mail: savetrani@virgilio.it

lunedì 4 Dicembre 2017

(modifica il 24 Giugno 2022, 8:16)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti